Alex Lo on the South China Morning Post 16.01.2013

My Italian friend Angelo Paratico likes to compare Nero to Leung Chun-ying – and even wanted to dedicate to our chief executive a centuries-old book he translated about the infamous Roman emperor. In the end, my friend didn’t do so, but still presented the translated book as a gift.

Predictably, Leung’s office was not thrilled. His private secretary sent a note politely declining the offer and not-too-subtly warning him never to send “gifts” again. They probably thought the book was a rude joke, but they really misunderstood. Let me try to clear that up here.

You cannot find a bigger fan of C. Y. Leung than Angelo. “In the beginning, I was even planning to dedicate [the book] to him,” Angelo said. “But friends dissuaded me. A book on Nero would have sounded offensive – sort of inviting him to burn down Hong Kong.”

A novelist, journalist and history buff, Angelo spent six months translating from Latin to English Nero: An Exemplary Life, written by Girolamo Cardano, a 16th-century polymath in the mould of Leonardo da Vinci. The book, in which I wrote the foreword, has been published.

Cardano thought venerated Roman historians Tacitus and Suetonius were shoddy, though everyone from Machiavelli to Edward Gibbon had depended on them as authoritative sources on the Julio-Claudian line of horrible emperors, including Nero.

Cardano thought Nero was a good emperor. Contemporary scholars think he was not so bad as traditionally thought.

“Nero did not burn down Rome,” Angelo said. “As an emperor, he had his share of problems, but most of the accusations made against him were not true. Like C. Y., he had a lot of bad press because he tried to help the poor against the rich landlords and bankers [money lenders] – all belonging to the senatorial class.

“C. Y. is bitterly attacked by the press because of his style of governance and the illegal structures at his home. But if he really delivers policy that will help the ‘have nots’ and enrich our city, that won’t matter in the end.”

You see, my friend was trying to offer solace to C. Y.: that you could try to do good and still be maligned – for centuries! Well, maybe that isn’t much comfort, really.

Behind a vilified leader are those who …

Few figures have been more vilified and loathed throughout history than the Roman Emperor Nero, whose 14- year reign, almost 2000 years ago, has been portrayed as the epitome of tyranny and immorality.

It is from the historians of the period – Tacitus, Pliny and Suetonius – that we get most of what we know about him. They presented him as a bloody and sleazy pervert, a fool, a sodomite, a dreamer, a vain and hopeless artist. Down the centuries, he had been accused – and condemned without appeal – of having murdered his mother, Agrippina; of killing his pregnant wife, Poppaea, by kicking her; of poisoning his adopted father and brother; of the senseless execution of Octavia, his adopted sister and first wife; and of having ordered his teacher, the philosopher Seneca, to commit suicide.

To top it off, he had Rome burned down in the year AD64, fiddling while looking at the flames engulfing the city, just to prove an able architect in rebuilding it, which he did. He then accused Christians of causing the fire and had them tortured and killed.

He ordered the construction of illegal structures ( at least they were declared illegal later and taken care of): roads, tunnels and his magnificent palace, the Domus Aurea, later buried under rubble by Emperor Trajan, with an artificial lake in front of it, right where the Colosseum today stands.

It’s a good story, so good that it has been made into plays and films and represented in paintings. The trouble is that a great deal of it just isn’t true. It isn’t credible that Nero set fire to Rome or that he sent thousands of Christians to their death: there were few Christians in Rome at the time. Current historical thinking is that he didn’t kill his adopted father and brother; nor did he mortally wound his wife, Poppaea. Nero wasn’t perfect, but then neither were those around him: Seneca was a ruthless loan shark and Nero’s mother, Agrippina, was a powerhungry serial killer.

How did we end up with this compelling narrative, convenient and useful to many through the ages, but one which is ultimately fallacious? As George Orwell put it in Nineteen Eighty- Four: “Who controls the past controls the future; who controls the present controls the past.”

Nero aspired to be a populist and an artist, helping the poor, curtailing the power of the oligarchy that controlled the empire. He did not start new wars, and limited gladiatorial games. By doing so, he stepped on some very powerful toes. The owners of these toes reacted angrily, spreading rumours that were picked up by historians like Tacitus and Suetonius who were serving new emperors. The rich set to work to unseat him on moral grounds, their only option. Nero had the blood of Julius Caesar, Augustus, Mark Antony, Agrippa and Germanicus, and that made him a living treasure in the eyes of the people, who worshipped him for that.

The corrupt senatorial class accused Nero of lacking integrity, of degrading his office with his performances: he was singing, acting, racing with chariots. Scandalous indeed! Genocide and oppression of the poor, on the other hand, was quite ordinary to them.

If we analyse the life of Nero dispassionately, we should agree that he was a good emperor. Because of his cheerful ingenuity, he thought that what mattered was to deliver results and to improve the lives of the poor, not make the rich richer.

I imagine you will be shocked to learn that such distortions, of facts being replaced with symbols, are still going on. US President Barack Obama has often been reduced to an almost always inaccurate and misleading symbol by the opposition. Closer to home, Hong Kong’s colonial period has become the flashpoint for all kinds of political arguments; the historical reality rarely figures – instead, the symbolism of colonialism is all that matters.

Our own chief executive has also been the victim of a similar process. Do the thousands of hungry poor in Hong Kong – and yes, there still are a great many thousands – care more about some illegal partitions in Leung Chun- ying’s private home made before taking office, or about three square meals a day and the chance to educate their children? Some will say that I am missing the point here; and the senators in Nero’s time would have said the same. They would have said that what matters above all else is that Nero – and our chief executive – lacks integrity.

But if absolute integrity is what makes a great leader, then perhaps we should source our chief executives from monasteries ( which hasn’t always worked either).

Our soi- disant Hong Kong democrats currently claiming the high moral ground may also, if put under a similar spotlight, have their dirty little secrets. They have made their point clear and the unseating of the emperor has failed. It is time to turn the page, otherwise people may think that they are serving their own vanity, not the welfare of the people of Rome, pardon, of Hong Kong.

Angelo Paratico is a writer based in Hong Kong. His latest book is a translation from Latin into English of Girolamo Cardano’s Nero: An Exemplary Life.

 

CONTACT US

Agree or disagree with the opinions on this page? Write to us at letters@ scmp. com. If you have an idea for an opinion article, email it to oped@ scmp. com

 

Source: South China Morning Post

Addio alla Carta? Da Il Fatto quotidiano

13 agosto 2012 – ore 10:50

Addio alla carta?

I grandi giornali internazionali cominciano a vendere più online che in edicola. Inchiesta su quella che pare una strada inevitabile

La diffusione media giornaliera dei quotidiani a pagamento è scesa sotto i 4,5 milioni di copie giornaliere; in soli cinque anni, tra il 2006 e il 2011, si è perso più di un milione di copie giornaliere di diffusione, e il fenomeno della free press, che ha rappresentato per anni un’interessante opportunità di diversificazione permettendo di raggiungere nuovi lettori, appare in pesante ripiegamento, con chiusure di testate, accorpamenti di edizioni, tagli alle tirature e alle foliazioni. La pubblicità nel 2011 è calata del 5,5 per cento per i quotidiani a pagamento, e addirittura del 22,4 per i gratuiti, a fronte di un mercato complessivo che ha perso il 3,8 per cento. La quota di mercato dei quotidiani è passata dal 16,2 al 15,6 per cento”. Così si leggeva appena due mesi fa nel Rapporto della Associazione stampatori italiani di giornali sull’industria dei quotidiani in Italia. I dati si riferiscono all’anno scorso, ma nel primo semestre di quest’anno le cose, se possibile, vanno peggio: per dirne una, rispetto al 2011 la pubblicità su carta stampata registra un -13,7 per cento.

Da qualche mese in quasi tutti i quotidiani italiani si assiste a tagli, prepensionamenti, riassetti del personale e contratti di solidarietà per evitare licenziamenti. Sembra di rivedere quanto successo negli Stati Uniti cinque anni fa: come descritto in un report della Newspaper association of America, negli States la pubblicità sui giornali è cominciata a calare nel 2007, e da allora non si è più ripresa; nello stesso periodo, all’incirca, il numero di lettori ha smesso di crescere, per cominciare a calare inesorabilmente (negli ultimi 40 anni, a fronte di un incremento della popolazione del 50 per cento, si è assistito al calo contestuale della diffusione dei giornali di quasi il 30 per cento); lettori di giornali cartacei sempre più vecchi, se è vero che solo il 22 per cento dei giovani, la metà rispetto agli adulti, sfoglia le pagine di un quotidiano. Questi dati hanno colpito l’industria americana delle news, che nel primo decennio del 2000 ha visto diminuire il numero di giornalisti in attività di da 56.000 a 40.000, ridurre le spese per la produzione di contenuti di oltre un miliardo e mezzo di dollari negli ultimi tre anni, e diminuire pesantemente il numero di articoli scritti (dal 2006 al 2008 la differenza è di 828.000 “pezzi” pubblicati).

Dove sono andati tutti questi lettori? La risposta è scontata, ma con conseguenze complicate: sul Web. Non si tratta però di una semplice transumanza dall’edicola all’on line, e i numeri che parlano di milioni di lettori sui siti dei quotidiani ingannano. Le pagine di news lette sul web, per esempio, sono appena il 3,5 per cento delle pagine lette sulla carta. Che fare?
Ci sono tre notizie importanti da cui far partire questa riflessione sul futuro dell’informazione: dal secondo trimestre di quest’anno il New York Times riceve più introiti dai suoi lettori (molti digitali) che dalla pubblicità; gli abbonati digitali al Financial Times (sito, tablet, smartphone) hanno superato i lettori del cartaceo; l’editore di Newsweek, Barry Diller, ha appena annunciato che quasi sicuramente il noto settimanale americano sospenderà le pubblicazioni cartacee e sarà disponibile soltanto on line.
L’imbuto è dunque sempre più stretto? E’ vero, come dicono diversi analisti, che il futuro sarà on line o non sarà? Il primo dato da tenere presente è questo: secondo Audiweb, società che monitora l’informazione on line in Italia, l’audience Web a giugno ha registrato una crescita del 7,8 per cento in un anno, con 28,3 milioni di utenti on line. 14 milioni gli italiani collegati nel giorno medio, l’8 per cento in più rispetto a giugno 2011. Sembrerebbe facile capire su cosa puntare.

Pier Luca Santoro è un consulente di marketing e comunicazione, attento osservatore dell’evoluzione dei media, che commenta quotidianamente sul blog “Il giornalaio” e sul sito dell’European Journalism Observatory. Ci spiega che non è così facile come sembra: “Il tentativo di recuperare le entrate perse dalla carta attraverso l’on line è il problema, l’aspetto cruciale in attesa di una soluzione sostenibile”. Santoro usa il “dilemma del prigioniero” per illustrare il paradosso di una soluzione che sembra a portata di mano ma non si riesce mai ad afferrare. “La formula vincente non è stata ancora trovata. Da poco ho fatto uno studio su alcuni quotidiani generalisti ed economici in Europa: quello che emerge è che sembra che la specializzazione paghi, il generalismo no”. Eppure piattaforme come quelle di Corriere.it e Repubblica.it sembrano cavarsela bene. “I quotidiani generalisti in generale non vanno bene – sostiene Santoro – perdono molto su carta e sul digitale fatturano, ma non abbastanza. In nessun caso, tranne il New York Times, riescono a farsi pagare per le notizie”. Santoro cita il caso del Guardian, quotidiano inglese considerato da molti il miglior generalista del mondo, che negli ultimi anni ha puntato decisamente sul digitale continuando però a riportare perdite di decine di milioni di sterline. “Il Guardian ha 62 milioni di visitatori unici al giorno sul proprio sito, eppure non riesce a superare i 30.000 abbonati su iPad”, dice Santoro.

Forse la gente non è disposta a pagare per l’informazione generalista, ma non è detto che per l’informazione generalista questo sia un problema. Repubblica.it è stato il primo sito di quotidiano nazionale aperto in Italia, nel 1997, e da allora è stato costantemente il più visitato in quel settore. Con Pier Paolo Cervi alla guida della divisione digitale, negli ultimi tre anni è stato probabilmente il sito di news che più ha provato a sperimentare, in qualche modo dettando la linea agli altri, non senza qualche caduta di stile (la colonna di destra del sito, con donne semi nude, animali curiosi e gossip è roba che su un giornale americano non vedrete mai). A oggi il comparto digitale raccoglie il 25 per cento della pubblicità dell’intero gruppo Repubblica-L’Espresso, e il trend è in crescita (+12 per cento nel primo semestre di quest’anno). Avere un editore che ci crede e investe fa ovviamente la differenza: a Repubblica si sta puntando sempre di più sulla produzione di video, per andare a intercettare i lettori del futuro prossimo, quando l’Internet tv sarà nei salotti di tutte le case degli italiani e navigare su Web sarà come cambiare canale con il telecomando.

Solo da qualche tempo in Italia si è cominciato a produrre articoli ad hoc per i siti,abbandonando in parte il vecchio modello per cui il sito è un semplice rilancio on line dei contenuti del cartaceo. Resiste ancora però l’idea che la carta è una cosa seria e il sito un po’ meno: se c’è uno scoop, o un articolo forte, lo si tiene per l’edicola, e in molte redazioni è comune la fatica di far scrivere le “grandi firme” per l’on line, da alcuni ancora considerato una deminutio del proprio valore.
Pietro Senaldi è vicedirettore di Libero, e si occupa anche del sito del quotidiano diretto da Maurizio Belpietro, rinnovato da poco e con buoni dati di raccolta pubblicitaria e numero di visitatori unici. Concorda sul fatto che uno dei punti di resistenza nell’integrazione tra carta e Web è la “questione generazionale”: un giornalista cresciuto e affermatosi con i mezzi tradizionali difficilmente lascia un porto sicuro per uno sconosciuto, ma il sistema è destinato comunque a rinnovarsi. Senaldi fa un esempio noto a chiunque lavori in un giornale: “Uffici stampa, politici e personaggi famosi vogliono apparire su carta, pensando che questa abbia più autorevolezza di un sito internet. Il giorno in cui comincerà a cambiare questa mentalità, e arriveranno richieste di apparire sul Web, investitori e pubblicitari si sposteranno decisamente su questo terreno”. Poi c’è la selezione naturale. “Il giornalista di oggi – prosegue Senaldi – deve essere multimediale, chi non ce la fa sarà fatto fuori dal sistema”. La differenza però, molto più che sulla carta, dove una buona penna di un piccolo giornale può competere con la buona penna di un grande giornale, la faranno sempre di più i soldi investiti dall’editore: per quanto possa andare bene la raccolta pubblicitaria, a oggi nessun giornale riesce a sostenersi grazie a questa, anche perché è vero che cresce (circa +10 per cento quella on line contro l’oltre -10 cento di quella cartacea) ma con cifre ancora molto basse.

O si è una corazzata, con forti investimenti a disposizione, o si punta sulla specializzazione a pagamento (è il caso del Financial Times, che non ha nulla free), oppure si prova a fare qualcosa di nuovo. E’ il caso di Banzai, società italiana attiva nel mercato Internet e focalizzata sui settori eCommerce, Media, e Web Design. Nata nel 2008, oggi è al terzo posto tra i player italiani del Web – si legge sul loro sito – come unico operatore indipendente accanto ai maggiori editori e alle grandi aziende di telecomunicazioni. Grazie a Banzai sono nati, o rinati, siti famosi come Liquida, il Post di Luca Sofri, Giornalettismo, Studenti.it, Zingarate.com. Andrea Santagata, Ceo di Banzai, ci dice che “probabilmente in Italia sta succedendo quello che è successo qualche anno fa in America: prima una contrazione nelle vendite, poi un crollo significativo”. Negli ultimi cinque anni le vendite di quotidiani in edicola effettivamente sono diminuite del 20 per cento. “Non è ancora chiaro se la crisi del sistema sia congiunturale, dovuta alla crisi. L’impressione comunque è che il calo durerà almeno tutto quest’anno e parte del prossimo. Ma è probabile che la crisi del 2011/2012 sia l’innesco di un crollo simile a quelo registrato negli Stati Uniti nel 2007”. E’ però vero che la pubblicità on line cresce in fretta. “Sì – dice Santagata – si calcola che il giro d’affari sia di 1,3 miliardi di euro in Italia, ma di fatto a chi fa news on line restino da spartirsi appena 250-300 milioni”.

Ancora troppo poco. Una soluzione, sperimentata con relativo successo in Inghilterra e Stati Uniti, potrebbe essere quella dei paywall, sistemi a pagamento per leggere tutti o parte degli articoli. Santagata è scettico: “In America sono avanti, da noi a questo punto vedo difficile trasformare l’informazione on line a pagamento. Credo piuttosto che il mercato si manterrà quello che è oggi, con qualche innovazione, un po’ di pubblicità on line e più applicazioni su tablet”. Nulla di rivoluzionario, però. “Pensare di puntare sugli abbonamenti on line non è vincente, quello a pagamento mi sembra un mercato destinato a una élite. Magari numerosa, ma non in grado di spostare grandi cifre”. Meglio tutto gratis, come fanno a Banzai? “Il vantaggio di essere nuovi editori – spiega Santagata – è la possibilità di partire con una struttura leggera, libera da costi inutili ereditati dal passato. Lo svantaggio è la poca competenza e l’assenza di un brand conosciuto, ma questo ti permette di generare qualcosa di nuovo”. Santagata parla di “un tipo di informazione che è un mix di professionalità e contenuti generati dagli utenti”.

Il modello ideale è l’Huffington Post, nato come aggregatore di centinaia di blog che coprivano tutto lo scibile umano o quasi, e che generavano molto traffico grazie alla somma dei micro argomenti trattati dai blogger. Il rischio però è quello di svilire la professione di giornalista, affidandosi a meno costosi volontari che scrivono gratis per un po’ di visibilità. “No – spiega Santagata – i contenuti generati dagli utenti sono il punto di partenza, un editore e dei giornalisti che guidano quei contenuti sono comunque necessari”. Senza dimenticare l’apporto della tecnologia, in Italia poco considerato: “Quando si aggregano grandi volumi serve un algoritmo che gestisca in automatico cosa funziona di più e cosa di meno. All’Huffington Post utilizzano sistemi automatici per socializzare l’audience e addirittura per sceglieri i titoli degli articoli in base a come potrebbero funzionare su motori di ricerca e social network”. Banzai, che oggi dà lavoro a 130 persone e nel 2011 ha fatturato 110 milioni di euro, ha cominciato con un forte investimento sulla tecnologia, e ora va avanti con costi più bassi proprio grazie a quell’investimento iniziale. Senza contare la pubblicità, venduta sui siti del network Banzai direttamente da una concessionaria interna e che, assicura Santagata, nel primo semestre di quest’anno è cresciuta del 30 per cento.

Il modello tutto gratis è dunque un modello possibile (a Repubblica piace, e continueranno ad adottarlo affiancandogli prodotti premium a pagamento, soprattutto su tablet e smartphone), ma come detto non è l’unico. Il gruppo Sole 24 Ore, ad esempio, è stato colpito anch’esso dal calo della pubblicità, ma è riuscito a contenere i danni soprattutto grazie all’aumento delle vendite (+2,1 milioni di euro), a loro volta dovute in particolare agli abbonamenti a pdf e iPad (+93 per cento rispetto al dicembre 2011, con oltre 35.000 abbonati di cui 30.000 annuali). Cifre però ancora riconducibili alla “élite” di cui parlava Santagata. Ancora Pier Luca Santoro: “I giornali devono trovare nuovi modelli di remunerazione in termini di proposta e nuovi modi di generare ricavi non bastano vendite o abbonamenti, la storia del New York Times è lì a dimostrarcelo”. Così come l’esperienza del Daily, quotidiano solo per tablet voluto da Rupert Murdoch, in perdita costante e a rischio chiusura. Come farsi remunerare? “Dipende dalla testata: l’Economist ha creato una sezione del sito di business intelligence a pagamento che funziona, il Financial Times è imprescindibile per un certo pubblico che oltretutto è più avvezzo alle nuove tecnologie. Bisognerebbe individuare grazie a social network, ricerche ad hoc e sperimentazioni le soluzioni migliori da offrire al proprio pubblico”. Santoro fa un esempio: “Io leggo tutti i giorni articoli del New York Times on line, ma ci arrivo da motori di ricerca o social network, quindi non li pago. Non passo dalla home page del Times da mesi, credo. Se adesso mi chiedessero di pagarli per leggere ancora direi di no. Ma se mi offrissero la possibilità di pagare un abbonamento mensile per ricevere via newsletter tutti gli articoli dei giornalisti o degli argomenti che mi interessano direi di sì”. In Croazia, Slovacchia e Polonia hanno creato un paywall nazionale, che permette, una volta abbonati, di leggere tutti i quotidiani del paese. “Utopia, in Italia”, dice Santoro.

Ma è già il momento di fare il funerale alla carta? “No – assicura Santoro – Innanzitutto perché siamo un paese ancora poco digitalizzato: più del 50 per cento della popolazione non ha accesso a Internet, c’è dunque un aspetto socio-demografico che ci dice che la carta verrà comprata, sempre meno, per moltissimo tempo ancora”. C’è poi un aspetto che chi è passato alla lettura dei quotidiani su tablet fatica a superare: “Su carta si notano molte più cose, su iPad o Web si perdono particolari importanti, anche se si sfoglia il pdf”. Una lenta agonia? “Se vogliamo che la carta muoia in fretta basta andare avanti così. Basterebbero alcune accortezze per ottimizzare costi e ricavi della distribuzione: innanzitutto con l’informatizzazione delle edicole. A oggi sono circa 5 mila su 30 mila ma potenzialmente consentirebbe all’editore di conoscere in tempo reale il venduto per ciascun punto vendita garantendo ottimizzazione del costo dei resi, agevolerebbe la possibilità di sondaggi, di ricerche su argomenti ad hoc e favorirebbe l’implementazione di molti altri servizi”. La stampa è in crisi, la voglia delle persone di informarsi no. Probabilmente sopravviverà chi saprà adattarsi ai nuovi contenitori senza dimenticare chi è e da dove viene.

© – FOGLIO QUOTIDIANO Piero Vietti

 

Giusva e le colpe della strage: “La verità? Fa troppa paura” Fioravanti scrive al Giornale: “Non so se la pista palestinese sia giusta. Ma il terrorismo arabo in Italia ha fatto 60 morti. E nessuno li piange” Giuseppe Valerio Fioravanti – Gio, 02/08/2012 – 08:5

Giusva e le colpe della strage: “La verità? Fa troppa paura”

Fioravanti scrive al Giornale: “Non so se la pista palestinese sia giusta. Ma il terrorismo arabo in Italia ha fatto 60 morti. E nessuno li piange”
Giuseppe Valerio Fioravanti – Gio, 02/08/2012 – 08:58

Riceviamo e pubblichiamo questa lettera di«Giusva»Fio­ravanti, condannato per la strage alla stazione di Bolo­gna del 2 agosto 1980. Fiora­vanti ha ammesso altri delit­ti, ma ha sempre negato ogni responsabilità per la bomba di Bologna. Oggi, dopo aver scontato la pena, è in libertà.

Caro direttore,

la strage di Bologna è avvenuta 32 anni fa, le indagini si sono concluse 25 anni fa e la nostra condanna è datata 20 anni. Fu una condanna atipica, dove la procura prima, e le corti poi, sostennero che le prove vere erano state nascoste dai servizi segreti e quindi bisognava per forza affidarsi agli indizi.

L’indizio principale era che le stragi in Italia le fanno per forza i fascisti, nel periodo in questione io e mia moglie eravamo i terroristi fascisti più noti, quindi… «non potevamo non sapere». La sentenza ammetteva che il quadro probatorio non era completo, e sostanzialmente rinviava a una «inchiesta bis» per individuare i tasselli mancanti. Il fatto è che i tasselli mancanti erano molti. La sentenza per la parte che riguardava noi ammetteva che nessun testimone ci aveva mai visti a Bologna, e che quindi non eravamo stati noi a portare la bomba dentro la stazione, ma sicuramente (per il ragionamento di cui dicevamo prima) facevamo parte del gruppo che tale strage aveva organizzato. Veniva rinviato alla «inchiesta bis» l’incarico di individuare gli effettivi esecutori materiali «in loco», individuare l’origine dell’esplosivo, individuare il movente, e individuare i mandanti. Come dicevo, da quella promessa di «inchiesta bis» sono passati 20 anni, e nulla è stato trovato. La cosa, comprensibilmente, crea un certo nervosismo. Chi ama la vecchia sentenza grida alla luna che il processo non riesce ad andare avanti perché io non confesso chi sono i miei mandanti e gli altri della banda. In linea strettamente teorica potrebbe essere una ipotesi. Però poi di ipotesi se ne possono fare altre, ad esempio che l’inchiesta non riesce ad andare avanti perché sin dall’inizio marcia nella direzione sbagliata. Questa cosa iniziò a dirla pubblicamente Cossiga già nel 1998, quando con Francesca andammo a trovarlo sperando potesse darci informazioni utili per ridiscutere il nostro processo. Ci disse che fogli «firmati e bollati» non ne aveva, ma che la vera pista su Bologna era quella palestinese. Sono passati altri 14 anni, e nel silenzio di molti, alcuni storici dilettanti (nel senso positivo del termine, ossia di gente che fa le cose per passione, non per tornaconto) hanno iniziato a studiare una materia difficilissima, il terrorismo arabo in Italia. Non se ne sa niente, non esistono libri esaustivi né niente. Ma il terrorismo arabo in Italia ha fatto più di 60 morti, e più di 300 feriti. Ma non se ne parla mai, non c’è mai una commemorazione, mai un servizio rievocativo in televisione, mai una lapide da nessuna parte, mai una associazione dei parenti delle vittime. Quando il presidente Napolitano ha istituito la giornata a ricordo delle vittime del terrorismo, nell’elenco preparato dagli uffici del Quirinale non c’era nessuna di queste 60 vittime.È su questo silenzio che, assieme ad alcuni di questi «storici dilettanti», stiamo ragionando. Silenzio sulle vittime, e sempre scarcerazioni in tempi fulminei dei vari palestinesi arrestati. Che è un po’ quello che sta succedendo ancora oggi, quando l’Italia, non importa chi in quel momento sia al governo, cede sempre ai ricatti del terrorismo filo-arabo, e paga tutti i riscatti e non arresta mai nessuno. Dopo che si è scoperto che fisicamente presenti a Bologna c’erano due terroristi dell’estrema sinistra tedesca legata al terrorismo palestinese, è ovvio che le persone ragionevoli si pongano il dubbio se c’entrino qualcosa. È ovvio che se si scopre che tra le vittime di Bologna c’era un giovane dell’Autonomia Operaia romana, le persone ragionevoli si ricordano che solo pochi mesi prima, a Ortona, tre capi dell’Autonomia Operaia romana erano stati arrestati mentre trasportavano un potente missile terra aria per conto di un certo Saleh, dirigente del Fronte Popolare di Liberazione della Palestina che abitava a Bologna. Viene spontaneo, alle persone semplici, domandarsi se per caso, come era successo pochi mesi prima nelle Marche, anche il 2 agosto a Bologna dei giovani romani stessero aiutando i loro amici palestinesi a trasportare un carico di armi. Se poi ci aggiungiamo che dal carcere in Francia il capo dei terroristi filopalestinesi dell’epoca, Carlos lo Sciacallo, in diverse interviste ha ammesso che la sua «Organizzazione» quel giorno era presente alla stazione di Bologna… Carlos dice che un loro trasporto è stato boicottato dagli americani o dagli israeliani per rovinare i buoni rapporti tra i terroristi palestinesi e i nostri servizi segreti (lo ha scritto diverse volte, e questa tesi è stata confermata da almeno due dirigenti palestinesi ormai in pensione, ma nessuno sembra stupirsene). Cossiga prima di morire in diverse interviste aveva parlato anche lui di un «incidente», ma lo riteneva casuale. Un funzionario dei servizi segreti civili italiani fu il primo, mi pare già nel 1981, a dire che si trattava di un incidente, ma venne messo a tacere, e tutto sommato fu facile parlo perché risultava iscritto alla P2. Licio Gelli, senza tutti i ragionamenti e i riscontri che invece aveva fornito Cossiga, parla anche lui da 30 anni di un «incidente», seppure in una maniera un po’ grossolana. Io, storico dilettante più scarso degli altri, ancora non ho nessuna convinzione certa su ciò che è accaduto a Bologna. Mi rendo conto però che certi argomenti creano preoccupazione. Mi sembra un buon segno. Però ci vorrà ancora tempo, tanta pazienza e un pizzico di coraggio per avvicinarsi se non alla verità, almeno al contesto della verità.

Almeno Parla Chiaro

IDA MAGLI SEI TUTTI NOI! – “MACCHÈ PROFESSORE, MONTI HA INSEGNATO A TRENTO NEL ’69, CHE È UGUALE ALLA LAUREA DEL TROTA IN ALBANIA” – “IL CRAC DELL’EURO L’AVEVO ANNUNCIATO NEL ’96: È UN GOLPE PER LEVARE POTERE AI POPOLI E CONSEGNARLO A BUROCRATI E BANCHIERI EUROPEI. A OGNI CRISI, CHIEDONO “PIÙ EUROPA”. MA IL PROBLEMA È CHE LA MONETA NON PUÒ ESSERE SGANCIATA DA UNO STATO. E LA BCE È UNA BANCA FASULLA”…

Andrea Morigi per “Libero

Ida MagliIDA MAGLIL’aveva predetto nei suoi numerosi interventi, in libri e articoli: l’Europa non sta in piedi. L’antropologa Ida Magli ora magari teme di passare per Cassandra, ma nel frattempo approfondisce la sua analisi.

Immaginava un crollo così repentino?
«Come lei sa è da tanti anni che lo vado dicendo. È del 1996 il mio primo libro contro l’Europa. Avevo tentato di convincere anche gli industriali che la moneta unica era una scelta suicida».

ROTTURA EUROROTTURA EUROQuali industriali?
«Ero stata invitata a tenere una relazione a un convegno sull’Europa, a Lecco, ospite del presidente dei Giovani Industriali, Marco Campanari».

Prima dell’istituzione dell’euro?
«Certo. E fu una discussione molto animata e simpatica. Io, in quell’occasione, ero il tecnico».

Non la tecnocrate, vero?
« Guardi che i tecnocrati non esistono. Le formule che ci mandano in rovina le fanno gli ingegneri finanziari».

PRODI AL LANCIO DELL EUROPRODI AL LANCIO DELL EUROLa tecnocrazia l’hanno teorizzata in molti, però. E per tanti professori è la prassi…
«Macché professori e professori!»

Nemmeno Monti merita la qualifica di professore tecnocrate, secondo lei?
«Nel Parlamento italiano ce ne sono tantissimi di professori. Uno che è stato due volte alla Commissione europea sarà un politico o no? Anche Antonio Martino è un professore. Mi dica lei che differenza passa fra i due».

Martino non ha votato il fiscal compact.
«Invece Monti ha insegnato a Trento nel 1969. È paragonabile al Trota che va all’università in Albania. Studiava anche Renato Curcio in quell’Università. Per questo mi chiedo come mai Berlusconi abbia nominato proprio Monti».

pannellaPANNELLAQual è la sua opinione in proposito?
«Che siamo sempre stati un popolo governato da traditori. Ho pubblicato anche un libro sulla storia d’Italia, sul filo conduttore dei tradimenti. E mi meraviglio che Berlusconi accetti un’uscita di scena simile. Eppure un giorno ci siamo svegliati e non avevamo più la democrazia».

Forse perché molti dicevano che il dittatore era Berlusconi?
«Allora vuol dire che passiamo da una dittatura all’altra. Ma è Berlusconi ad aver portato Monti, insieme a quella donnetta della Bonino, ai vertici della Commissione europea».

Non fu per un accordo con Pannella, in quel caso?
«Ho sempre pensato che Pannella fosse una persona sudicia. I suoi scioperi della fame sono capricci da bambini: “Mamma non mangio”… »

Ma i Radicali attingono alle radici del pensiero europeista, il federalismo, Spinelli…
«Balle. Nessun Paese potrebbe accettare di nominare commissari del genere. Si ricorda della Commissione Santer, costretta nel 1995 alle dimissioni per un buco di bilancio? Era proprio nel dipartimento della Bonino, quello degli aiuti all’emergenza. Erano spariti i soldi dei bambini del Biafra! E Monti dov’era? Non sorvegliava sul bilancio della Commissione?»

berlusconi montiBERLUSCONI MONTIIngenuo, magari?
«L’unico interrogativo vero che mi pongo, rispetto a quella classe dirigente europea è: avranno sbagliato per stupidaggine? Non si può affermarlo: erano tutti banchieri, non incompetenti. Volevano il disastro, cioè la fine degli Stati nazionali? Sospetto che vogliano che ci riduciamo alla morte consegnandoci al governo globale. Proprio qualche giorno fa, sul Corriere della Sera, si presentava il libro del figlio di Giorgio Napolitano, Giulio. La tesi principale è: serve la governance globale. Devo dedurre che anche il presidente della Repubblica voglia il governo globale».

Perché?
«Perché ogni volta che la Borsa va male, si risponde che “bisogna fare più Europa”. E immancabilmente scatta un provvedimento. Ora avanza il fiscal compact. E come sempre, immancabilmente si perde un pezzetto di sovranità nazionale. Peccato che la Costituzione italiana non preveda il “tradimento”. Sono stati furbi a evitarlo».

BERLUSCONI NAPOLITANOBERLUSCONI NAPOLITANOSiamo al golpe, insomma?
«Questo è certo. Ma anche i giornalisti se ne sono disinteressati fino a quando c’è stato il problema economico. Prima sghignazzavano. In effetti il Parlamento europeo non conta nulla. È tutta una finzione. E l’Italia, dove sventola la bandiera europea da tutti gli edifici pubblici, la persegue più accanitamente degli altri. Dopotutto, nel Trattato di Lisbona, approvato così a fatica, non erano riusciti ad approvarne l’istituzione. Eppure la regola è che si può esporre quando ricorre la festa dell’Europa. Nemmeno l’inno si suona più».

Perché l’Europa suscita così scarsi entusiasmi?
«Perché come si fa a fare uno Stato senza i popoli? Se li vede, i cittadini che parlano 27 lingue diverse, innamorati di uno Stato siffatto? Anche i soldi sono uno strumento fatto dagli esseri umani. Se ci fossero i popoli, accadrebbe come ai melanesiani, che utilizzano le conchiglie, che funzionano benissimo come moneta di scambio. Le immagini delle banconote europee, invece, dimostrano il contrario: non riportano riferimenti alle realtà nazionali».

BERLUSCONI NAPOLITANOBERLUSCONI NAPOLITANOAllora torniamo alle monete nazionali?
«Sì, la ragione principale è che la moneta non può essere sganciata da uno Stato. Non è una moneta sovrana. Siamo nella buffa condizione in cui i debiti degli Stati non sono sovrani. Uno Stato che non batte moneta non è sovrano. Perciò lavoriamo nel vuoto dal punto di vista della gestione statale della moneta. La Bce ha un nome ingannatore: non è affatto la banca centrale europea. La vogliono definire così, ma appartiene a dei soci privati, tra i quali Draghi, i Rothschild, i Rockefeller, la Regina del Belgio, la Banca d’Inghilterra. Sono loro i veri azionisti. Il loro direttivo non compra i titoli di Stato italiani per un motivo molto chiaro: per non mettersi a rischio».

Qualcuno li compra…
«Certo, nella speranza di guadagnarci moltissimo. E noi li dobbiamo mettere all’asta al 6,5- 7% d’interesse. Lo ripeto: la Bce è una banca fasulla. Quando Draghi dice che l’euro è irreversibile fa ridere. Come se il povero re Luigi XVI, salendo sulla ghigliottina, avesse detto che la monarchia era irreversibile».

Come evitiamo di farci decapitare?
«Torniamo a un governo politico».

Anche se c’è la crisi della politica?
«Un governo legittimo fa sempre la differenza, rispetto a uno non legittimo, nei confronti di coloro che speculano sui titoli di Stato».

Quindi andiamo a votare subito?
«Non è necessario. Visto che Monti ha chiaramente fallito, si può dare l’incarico a un politico qualsiasi, purché non sia Berlusconi».

Chiunque altro farà meglio di Monti?
«Almeno sarà in grado di gestire dignitosamente le prossime elezioni».

Italians in Hong Kong

 

You may not notice them, because they do look like other like other Europeans. Some Italians are blonds with blue eyes; some are dark skinned and dark haired. But they are all Italians living in Hong Kong. They are the living proof that Italy through the centuries had been a melting pot. Just confider the large island of Sicily in the South of the Italian peninsula: was first Phoenician, then Greek, then Roman, then Arab, Norman, German, Neapolitan and finally, since 150 years, Italian.  All these guests have left their mark on the Italian landscape as well on the character of its people. In Hong Kong we find around 2000 residents but much more come here for business and then leave. The greatest part of Italians living in Hong Kong works in the fashion sector, shipping, banking, food and beverage. Let’s meet some of them to ask what do they think of Hong Kong and how their vision of Italy has changed after spending many years abroad.

 

Let’s start with the president of the Italian women association, Paola Yip Caronni. She thinks that Italy is well represented here and that Hong Kong is a place of great contrasts: richness, poorness goes hand in hand, like generosity and challenges. Bruno Feltracco, is the President of the Dante Alighieri cultural society, he comes from Bassano del Grappa, a wonderful town in Veneto. Dante Alighieri, the national poet of Italy, looks a good name for a school of Italian in Wanchai. He believes that Italy’s economy is strong and well represented here when we consider small and medium sized companies but not strong enough for large companies. Nevertheless he seems convinced that Hong Kong is a wonderful testing ground for Italian companies, this is proven by the fact that aside long term resident there is a wave of young Italians coming to live in this exciting place. Gianna Bressan is a young fashion designer, who consider herself privileged to working in Hong Kong, she love Buddhism for its universal message of peace and forgiveness, she says: “ I can see many positive facets of this bustling city.” Stefano Bassanese is from the port city of Trieste, he is new restaurant manager of Domani, he has been living in Hong Kong since 2007. His family has been involved in the food and beverage business for 101 he has this to say: “Personally I was always involved in a kind of ambassadorial work for some of the best Italian products, promoting fine wines and foods. As Confucius said I am not an innovator, I am just carrying on a tradition.”

Eligio Oggionni is a don in the local shipping industry and was the founder of a successful Italian school, dedicated to Alessandro Manzoni. He thinks that Italy and Hong Kong share the same attachment to family values, for this reason he feel himself at home. Fabio De Rosa, president of the Italian Chamber of Commerce, reminiscing on his years spent here thinks that not only Hong Kong but also the Italian community has changed: “It is now younger and more integrated than before, but the image of Italy is pretty much the same: food, culture, fashion.”

One thing that amaze him to most is that even Hong Kong consul him asking: how is China and on Chinese business…” Paolo Sepulcri is from the Friuli region and he his the president for Hong Kong of the Fogolar Furlan, an organization of friulans living abroad. He set up his home here and he admit that: “When I travel oversea, sometimes I come across people who criticize Hong Kong and I am always finding myself defending it. Right or wrong is my second Country!” Gabriele Benedetti, the president of JAS in Hong Kong is a bit special, compared to all other Italians, because he committed himself to this city by exchanging his passport with a Hong Kong Passport. You may call it eternal love and commitment! Marcello De Rosa, after practicing law in the United States where he moved from his native Rome he decided to practice fine food, opening an Italian restaurant.

Francesco Cavazzoni is another old China hand that visited the mainland during the Cultural Revolution and then established his own company in 1976, he has this to say: “I still firmly believe that Hong Kong is the best place to work in term of opportunities.”

Claudio De Bedin is the Italian Lawyer par excellence in the Italian community, he is fluent in Cantonese and was born here into a distinguished and cosmopolitan family, he thinks that: “Italians are well considered in Hong Kong by all the other communities. With the Chinese and China we have numerous cultural similarities which are creating mutual respect.” He believes that he could talk for hours about his happy life in Hong Kong, but what seems to convince him that his feeling are right is the fact that when he meets friends, who have left Hong Kong, they all say they would love to return as, despite any faults this city may have, it still a great place to live and to work.  No matter how beautiful is our beloved Italy, Hong Kong is the place. William Cavadini comes from Como, says that we are represented in a big way here in Hong Kong. He has two small children, which are now fluent in English and have a lot of friends from different nationalities. “They are very lucky!” he says. Domenico Antico a world expert in electronic is now planning a second career from his nest in Discovery Bay. Paolo Predonzan is a master ice scream maker; he thinks that warm Hong Kong is an idea place for fine ice cream.

Mauro Maggioni is a top executive in the fashion industry, he landed here 5 years ago, before that he had never heard of Hong Kong. Now he calls it his bets decision ever, after deciding to marry his beautiful wife, Elisabetta and have a wonderful daughter. Ciriaco Offreddu, a writer and a consultant from Sardinia Island, lives on a grand boat moored off Hong Kong Island “A bit like going back to my roots!”  He says. Leonardo Messena is a young top executive of a large Italian bank. He had previous experiences in Egypt and China and his sure about the fact that: “Our country enjoys among hongkonghers a very high degree of admiration. Whenever I introduce myself and say that I am Italian, inevitably triggers a series of expression of admiration and esteem which are at time embarrassing.”

Maxy Martinello found a new life in this city, after some difficult time in Italy and he is now working for an important fashion brand. A special mentioning is reserved here for father Gianni Criveller, of PIME, an historian and a journalist who, like hundreds of fathers and sisters who lives came here is on a mission. Here is what he tells us: “I had the privilege of researching and writing on the first Italian persons reaching Hong Kong. They were the Franciscan Antonio Feliciani in 1842 and Msgr. Luigi Ambrosi from Verona in 1855. The third Italian setting foot in Hong Kong, on April 10, 1858, was Paolo Reina, a priest from the Milan Foreign Missions Society (today known as PIME). Since then about 200 PIME missionaries came to Hong Kong, building the Catholic Church and serving the local population up to our own days. Until 1968 the Catholic bishops of Hong Kong were all Italian PIME missionaries. Pime served the needs of the people creating Caritas, schools, churches and innumerous other social, educational and religious services. The religious Italian presence in Hong Kong is very significant even today, with many religious women and men belonging to various catholic institutions. Studying Italians in Hong Kong I discovered a quite interesting story, somewhat related with the issue of Italian unification.”

Here goes his interesting story, before unknown to all: “The first Italian Bishop Timoleone Raimondi, the man who built the Catholic Cathedral (a College at the Middle Level is named after him), had a brother, Antonio Raimondi, a patriot who fought with Garibaldi during the days of the Roman Republic. After the restoration of the Papal Stare by Pius IX, Antonio had to go in exile in Peru, where he become an important and very well known traveler, discover and scientist. Two brothers: one was the highest representative of the pope in East Asia; the other was a militant opponent of the same pope. The Bishop travelled from Hong Kong to Peru to visit his anticlerical brother, it must have been a quite interesting meeting! By the way, according to some historians, the same Garibaldi came to Hong Kong: it seems to me that the Raimondi brother’s connection makes this story more likely. I find Hong Kong one of the most interesting cities in the world. Occasionally it is considered a city without much history: in fact this is not the case. Hong Kong has a fascinating and unusual history, in which Italians played a significant and honorable part!”

 

Angelo  Paratico

 

 

 

La Storia

 

Lo scrittore americano Edgar L. Doctorow scrisse che: “La storia riguarda il presente ed è per questo motivo che ogni generazione la riscrive.” Che questa frase contenga una grossa verità lo si nota in Cina, più che altrove. La revisione del passato per essere adattato alle esigenze del presente è l’arma preferita dalla oligarchia rossa cinese per mantenere il proprio monopolio sul potere.  Per far sì che nulla cambi devono creare continuamente dei punti di tensione, per poi far leva sul nazionalismo e giustificare le loro censure e le loro repressioni. Le loro leve negli ultimi quarant’anni son state tre: il Giappone, Tibet, Taiwan.

Anche Taiwan, guidata da un ingenuo presidente Ma Yin-Jeou, pare sempre più ammaliata dal canto delle sirene cinesi e la distensione fra i due Paesi prosegue, ma solo in una direzione. Pare quasi una resa: a Taiwan hanno abolito la leva e stanno riducendo sempre di più le spese militari. La Cina, invece, continua a tenergli puntati contro più di mille missili e incrementa mediamente le spese militari del 15 per cento all’anno.

Al contadino cinese al quale è stata tolta la terra da burocrati corrotti e che si lamenta di non aver più nulla da offrire ai propri figli, il partito comunista gli manda a dire che dovrebbe preoccuparsi della costruzione d’una società armoniosa. Nella provincia dello Jiangsu si registrano 120mila morti all’anno, causati direttamente da certe sostanze chimiche inquinanti rilasciate nell’ambiente; ma il messaggio è che resta inutile stare a scriverne e a parlarne: che si scriva e si parli piuttosto dei successi cinesi in campo industriale. Il latte per i neonati è stato tagliato con melamina? Non ha importanza: meglio guardate ai grattacieli di Shanghai, di cui tutti i cinesi debbono essere orgogliosi. I genitori che hanno perso i propri figli nel crollo di scuole costruite con la sabbia nel Sichuan e che non possono sperare in un’azione penale della magistratura contro chi le aveva malamente innalzate; pensino piuttosto a essere dei buoni patrioti per contrastare l’azione dei terroristi tibetani, capeggiati da un Shylock di Dalai Lama, che vorrebbe staccare il Tibet dalla madrepatria. Dunque resta solo il Tibet, che rimane centrale nella strategia della tensione cinese volta ad attizzare le fiamme del nazionalismo e a deflettere l’attenzione del popolo dagli enormi problemi che attanagliano la nazione.  Vorrebbero certamente vedere un Dalai Lama più bellicoso e attivo all’estero, anche se dal 1979 ha accettato la “terza via” fatta di moderazione e accettazione dello status quo esistente. Un fatto che per la Cina non è sufficiente neppure per iniziare a discutere. Il Dalai Lama, che ha dichiarato di ritirarsi dalla politica, accetta il fatto che il Tibet sia cinese e garantisce che non vuole più l’indipendenza, ma rifiuta di dire che il Tibet è sempre stato cinese. Ovvero rifiuta di leggere la storia secondo l’interpretazione attuale di Pechino, perché se ammettesse questo, metterebbe una pesante ipoteca anche sulle interpretazioni future della storia tibetana. Secondo Pechino il Tibet è sempre stato parte della Cina, già a partire dalla dinastia Yuan (1279 – 1368). Questa affermazione ha in sé qualche cosa di ironico, perché i regnanti Yuan, che anche Marco Polo servì, erano di razza mongola-tibetana, ma per gli storici cinesi questo non conta. Sempre leggendo nel loro libro di storia, il Tibet si trovava in una situazione diversa da altri Paesi, tipo il Vietnam, la Corea e la Birmania, che venivano controllati grazie a una forma di vassallaggio. La Cina manteneva in Tibet delle truppe con un proprio funzionario, chiamato Amban, che possedeva poteri di veto sulle decisioni dei Dalai Lama. Sostengono anche che nel 1792 la Corte dell’imperatore dei Qing, Qianlong, emise un editto in cui stabiliva come selezionare le reincarnazioni dei nuovi Dalai Lama e dei Panchen Lama, per evitare manipolazioni anti cinesi, un po’ come il potere di veto dell’imperatore d’Austria sull’elezione di un nuovo papa durante il conclave. Questo documento è stato rispolverato recentemente dai comunisti cinesi in previsione della morte del settantaduenne Dalai Lama. Il governo tibetano in esilio in India continua però a sostenere che la prima accettazione di un diktat cinese avvenne solo nel 1951, con l’attuale Dalai Lama che firmò con Mao Tzetung un documento intitolato: “Accordo in diciassette punti per la pacifica liberazione del Tibet” e che in passato loro sono stati soggetti solo a delle dinastie mongolo-tibetane, come gli Yuan e poi i Qing, ma mai a dei cinesi di razza Han, come i Ming. Aggiungono anche, con una punta di malizia, che i mongoli, razzialmente simili ai tibetani, per un certo periodo controllarono anche Budapest, questo significa forse che anche l’Ungheria appartiene alla Cina?  La tensione su questo argomento è così alta che durante una mostra di stampe antiche disegnate dai Gesuiti italiani, tenuta a Pechino e a Shanghai, venne chiesto agli organizzatori di rimuoverne alcune, risalenti al XVII secolo, solo perché il Tibet era colorato diversamente dalla Cina continentale. Il punto focale, noi crediamo, indipendentemente dalla storia, resta che nessuno vuol far parte d’un regime repressivo e liberticida qual è quello cinese. Lo scrisse Confucio cinque secoli prima di Cristo: “I Paesi ben amministrati provocano immigrazione, quelli male amministrati provocano emigrazione.” Tutto sommato questo dimostra che la nostra Italia, che noi vorremmo perfetta, non dev’essere poi tanto male.

 

 

Angelo Paratico

Pericle’s Funeral Oration

 

 

Most of those who have spoken here before me have commended the lawgiver who added this oration to our other funeral customs. It seemed to them a worthy thing that such an honor should be given at their burial to the dead who have fallen on the field of battle. But I should have preferred that, when men’s deeds have been made, they should be honored in deed only, and with such an honor as this public funeral, which you are now witnessing. Then the reputation of many would not have been imperiled on the eloquence or want of eloquence of one, and their virtues believed or not as he spoke well or ill. For it is difficult to say neither too little nor too much; and even moderation is apt not to give the impression of truthfulness.

The friend of the dead who knows the facts is likely to think that the words of the speaker fall short of his knowledge and of his wishes; another who is not so well informed, when he hears of anything which surpasses his own powers, will be envious and will suspect exaggeration. Mankind are tolerant of the praises of others so long as each hearer thinks that he can do as well or nearly as well himself, but, when the speaker rises above him, jealousy is aroused and he begins to be incredulous. However, since our ancestors have set the seal of their approval upon the practice, I must obey, and to the utmost of my power shall endeavor to satisfy the wishes and beliefs of all who hear me.

I will speak first of our ancestors, for it is right and seemly that now, when we are lamenting the dead, a tribute should be paid to their memory. There has never been a time when they did not inhabit this land, which by their valor they will have handed down from generation to generation, and we have received from them a free state. But if they were worthy of praise, still more were our fathers, who added to their inheritance, and after many a struggle transmitted to us their sons this great empire. And we ourselves assembled here today, who are still most of us in the vigor of life, have carried the work of improvement further, and have richly endowed our city with all things, so that she is sufficient for herself both in peace and war. Of the military exploits by which our various possessions were acquired, or of the energy with which we or our fathers drove back the tide of war, Hellenic or Barbarian, I will not speak; for the tale would be long and is familiar to you. But before I praise the dead, I should like to point out by what principles of action we rose to power, and under what institutions and through what manner of life our empire became great. For I conceive that such thoughts are not unsuited to the occasion, and that this numerous assembly of citizens and strangers may profitably listen to them.

Our form of government does not enter into rivalry with the institutions of others. Our government does not copy our neighbors’, but is an example to them. It is true that we are called a democracy, for the administration is in the hands of the many and not of the few. But while there exists equal justice to all and alike in their private disputes, the claim of excellence is also recognized; and when a citizen is in any way distinguished, he is preferred to the public service, not as a matter of privilege, but as the reward of merit. Neither is poverty an obstacle, but a man may benefit his country whatever the obscurity of his condition. There is no exclusiveness in our public life, and in our private business we are not suspicious of one another, nor angry with our neighbor if he does what he likes; we do not put on sour looks at him which, though harmless, are not pleasant. While we are thus unconstrained in our private business, a spirit of reverence pervades our public acts; we are prevented from doing wrong by respect for the authorities and for the laws, having a particular regard to those which are ordained for the protection of the injured as well as those unwritten laws which Ping upon the transgressor of them the reprobation of the general sentiment.

And we have not forgotten to provide for our weary spirits many relaxations from toil; we have regular games and sacrifices throughout the year; our homes are beautiful and elegant; and the delight which we daily feel in all these things helps to banish sorrow. Because of the greatness of our city the fruits of the whole earth flow in upon us; so that we enjoy the goods of other countries as freely as our own.

Then, again, our military training is in many respects superior to that of our adversaries. Our city is thrown open to the world, though and we never expel a foreigner and prevent him from seeing or learning anything of which the secret if revealed to an enemy might profit him. We rely not upon management or trickery, but upon our own hearts and hands. And in the matter of education, whereas they from early youth are always undergoing laborious exercises which are to make them Pave, we live at ease, and yet are equally ready to face the perils which they face. And here is the proof: The Lacedaemonians come into Athenian territory not by themselves, but with their whole confederacy following; we go alone into a neighbor’s country; and although our opponents are fighting for their homes and we on a foreign soil, we have seldom any difficulty in overcoming them. Our enemies have never yet felt our united strength, the care of a navy divides our attention, and on land we are obliged to send our own citizens everywhere. But they, if they meet and defeat a part of our army, are as proud as if they had routed us all, and when defeated they pretend to have been vanquished by us all.

If then we prefer to meet danger with a light heart but without laborious training, and with a courage which is gained by habit and not enforced by law, are we not greatly the better for it? Since we do not anticipate the pain, although, when the hour comes, we can be as Pave as those who never allow themselves to rest; thus our city is equally admirable in peace and in war. For we are lovers of the beautiful in our tastes and our strength lies, in our opinion, not in deliberation and discussion, but that knowledge which is gained by discussion preparatory to action. For we have a peculiar power of thinking before we act, and of acting, too, whereas other men are courageous from ignorance but hesitate upon reflection. And they are surely to be esteemed the Pavest spirits who, having the clearest sense both of the pains and pleasures of life, do not on that account shrink from danger. In doing good, again, we are unlike others; we make our friends by conferring, not by receiving favors. Now he who confers a favor is the firmer friend, because he would rather by kindness keep alive the memory of an obligation; but the recipient is colder in his feelings, because he knows that in requiting another’s generosity he will not be winning gratitude but only paying a debt. We alone do good to our neighbors not upon a calculation of interest, but in the confidence of freedom and in a frank and fearless spirit.

To sum up: I say that Athens is the school of Hellas, and that the individual Athenian in his own person seems to have the power of adapting himself to the most varied forms of action with the utmost versatility and grace. This is no passing and idle word, but truth and fact; and the assertion is verified by the position to which these qualities have raised the state. For in the hour of trial Athens alone among her contemporaries is superior to the report of her. No enemy who comes against her is indignant at the reverses which he sustains at the hands of such a city; no subject complains that his masters are unworthy of him. And we shall assuredly not be without witnesses; there are mighty monuments of our power which will make us the wonder of this and of succeeding ages; we shall not need the praises of Homer or of any other panegyrist whose poetry may please for the moment, although his representation of the facts will not bear the light of day. For we have compelled every land and every sea to open a path for our valor, and have everywhere planted eternal memorials of our friendship and of our enmity. Such is the city for whose sake these men nobly fought and died; they could not bear the thought that she might be taken from them; and every one of us who survive should gladly toil on her behalf.

I have dwelt upon the greatness of Athens because I want to show you that we are contending for a higher prize than those who enjoy none of these privileges, and to establish by manifest proof the merit of these men whom I am now commemorating. Their loftiest praise has been already spoken. For in magnifying the city I have magnified them, and men like them whose virtues made her glorious. And of how few Hellenes can it be said as of them, that their deeds when weighed in the balance have been found equal to their fame! Methinks that a death such as theirs has been the true measure of a man’s worth; it may be the first revelation of his virtues, but is at any rate their final seal. For even those who come short in other ways may justly plead the valor with which they have fought for their country; they have blotted out the evil with the good, and have benefited the state more by their public services than they have injured her by their private actions. None of these men were enervated by wealth or hesitated to resign the pleasures of life; none of them put off the evil day in the hope, natural to poverty, that a man, though poor, may one day become rich.

But, deeming that the punishment of their enemies was sweeter than any of these things, and that they could fall in no nobler cause, they determined at the hazard of their lives to be honorably avenged, and to leave the rest. They resigned to hope their unknown chance of happiness; but in the face of death they resolved to rely upon themselves alone. And when the moment came they were minded to resist and suffer, rather than to fly and save their lives; they ran away from the word of dishonor, but on the battlefield their feet stood fast, and in an instant, at the height of their fortune, they passed away from the scene, not of their fear, but of their glory.

Such was the end of these men; they were worthy of Athens, and the living need not desire to have a more heroic spirit, although they may pray for a less fatal issue. The value of such a spirit is not to be expressed in words. Any one can discourse to you for ever about the advantages of a Pave defense, which you know already. But instead of listening to him I would have you day by day fix your eyes upon the greatness of Athens, until you become filled with the love of her; and when you are impressed by the spectacle of her glory, reflect that this empire has been acquired by men who knew their duty and had the courage to do it, who in the hour of conflict had the fear of dishonor always present to them, and who, if ever they failed in an enterprise, would not allow their virtues to be lost to their country, but freely gave their lives to her as the fairest offering which they could present at her feast.

The sacrifice which they collectively made was individually repaid to them; for they received again each one for himself a praise which grows not old, and the noblest of all tombs–I speak not of that in which their remains are laid, but of that in which their glory survives, and is proclaimed always and on every fitting occasion both in word and deed. For the whole earth is the tomb of famous men; not only are they commemorated by columns and inscriptions in their own country, but in foreign lands there dwells also an unwritten memorial of them, graven not on stone but in the hearts of men. Make them your examples, and, esteeming courage to be freedom and freedom to be happiness, do not weigh too nicely the perils of war. The unfortunate who has no hope of a change for the better has less reason to throw away his life than the prosperous who, if he survive, is always liable to a change for the worse, and to whom any accidental fall makes the most serious difference. To a man of spirit, cowardice and disaster coming together are far more bitter than death striking him unperceived at a time when he is full of courage and animated by the general hope.

Wherefore I do not now pity the parents of the dead who stand here; I would rather comfort them. You know that your dead have passed away amid manifold vicissitudes; and that they may be deemed fortunate who have gained their utmost honor, whether an honorable death like theirs, or an honorable sorrow like yours, and whose share of happiness has been so ordered that the term of their happiness is likewise the term of their life. I know how hard it is to make you feel this, when the good fortune of others will too often remind you of the gladness which once lightened your hearts. And sorrow is felt at the want of those blessings, not which a man never knew, but which were a part of his life before they were taken from him.

Some of you are of an age at which they may hope to have other children, and they ought to bear their sorrow better; not only will the children who may hereafter be born make them forget their own lost ones, but the city will be doubly a gainer. She will not be left desolate, and she will be safer. For a man’s counsel cannot have equal weight or worth, when he alone has no children to risk in the general danger. To those of you who have passed their prime, I say: “Congratulate yourselves that you have been happy during the greater part of your days; remember that your life of sorrow will not last long, and be comforted by the glory of those who are gone. For the love of honor alone is ever young, and not riches, as some say, but honor is the delight of men when they are old and useless.

To you who are the sons and fathers of the departed, I see that the struggle to emulate them will be an arduous one. For all men praise the dead, and, however preeminent your virtue may be, I do not say even to approach them, and avoid living their rivals and detractors, but when a man is out of the way, the honor and goodwill which he receives is unalloyed. And, if I am to speak of womanly virtues to those of you who will henceforth be widows, let me sum them up in one short admonition: To a woman not to show more weakness than is natural to her sex is a great glory, and not to be talked about for good or for evil among men.

I have paid the required tribute, in obedience to the law, making use of such fitting words as I had. The tribute of deeds has been paid in part; for the dead have them in deeds, and it remains only that their children should be maintained at the public charge until they are grown up: this is the solid prize with which, as with a garland, Athens crowns her sons living and dead, after a struggle like-theirs. For where the rewards of virtue are greatest, there the noblest citizens are enlisted in the service of the state. And now, when you have duly lamented every one his own dead, you may depart.


Cina, il più grande casinò del mondo

La scorsa settimana avevamo descritto quel gigantesco casino che e diventato Macao, dopo l’arrivo dei biscazzieri di Las Vegas, ma avevamo dimenticato di accennare alla piu grande bisca del mondo: la borsa titoli della Cina comunista.

Da una parte del tavolo verde stanno i leader politici, affiancati dai loro banchieri, e dall’altra milioni di risparmiatori, che puntano il proprio denaro su societa che valgono come l’aria fritta o, nel migliore dei casi, sono sopravvalutate per quaranta o sessanta volte rispetto al loro valore intrinseco.

La nostra parra una definizione paradossale, ma purtroppo tale e la realta dipinta da economisti di vaglio, quelli che non si fanno sviare da interessi personali. E questa e solo una delle tante metafore usate per descrivere lo spettacolo al quale assistiamo, di pazzia che prevale sul buonsenso, con una folla di gente comune che fa la fila per acquistare azioni di tipo A sulle “ruote” di Shenzhen e di Shanghai.

Nessuno puo prevedere quando vi sara un crollo: secondo alcuni analisti questo potrebbe essere imminente, mentre secondo altri arrivara solo fra piu di un anno. Cio che pare certo e che questo crollo portera alla miseria milioni di investitori.

Non mancano gli esempi storici che possano darci un’idea di quanto accadra. Un precedente, spesso evocato, e quello del fallimento della Societa dei mari del Sud, a Londra nel 1720 che viene ancora studiato sui libri di testo di economia. Oppure, una situazione simile, a noi piu prossima, e quella della caduta della borsa di Taiwan nel 1990. Nel giro di pochi, orribili, giorni essa precipito dell’80 per cento, a un livello dal quale, in termini relativi, non si e ancora risollevata, nonostante siano passati diciassette anni.

Le similitudini fra la situazione di Shanghai e quella di Taipei sono molte, piu di quante possano apparire a prima vista, anche se, per via della sua minore capitalizzazione, gli effetti di quel sisma sull’economia della regione furono inferiori. A quel tempo Taiwan possedeva una economia ancora chiusa, come quella della Cina popolare. La liquidita abbondava per via di un grosso surplus nella bilancia dei pagamenti che porto a una repentina rivalutazione della sua divisa. Il mercato immobiliare tocco livelli folli e chi incassava tutti quei quattrini facili, non sapendo che farne, li giuocava in borsa. A quel tempo pareva che gli anni delle vacche grasse non dovessero finire mai e molta gente lascio il proprio lavoro per speculare a tempo pieno. Anche questo fenomeno e oggi osservabile in Cina.

La borsa di Shanghai continua a salire, nonostante i molti segnali di allarme lanciati da personalita del mondo politico e commerciale, che non sono riusciti a scalfire la ferma convinzione di tutti i piccoli speculatori. Sanno che, pur di non vedere il loro potere messo in discussione da un crollo, i leader politici cinesi utilizzeranno le enormi riserve valutarie detenute dalla banca centrale per appianare la voragine. Intuiscono anche che il governo non osera prendere delle decisioni drastiche proprio ora, perché deve affrontare due importanti appuntamenti: degli importanti cambi al vertice del Paese previsti per il mese di ottobre e le Olimpiadi di Pechino, che si terranno nel mese di agosto dell’anno prossimo. La situazione resta comunque preoccupante, perché uno scoppio della bolla speculativa potrebbe avere effetti deleteri su tutte le altre economie mondiali, ma soprattutto su quelle asiatiche.

A Hong Kong il timore e forte, tanto che anche Li Kashing, il proprietario della Chung Kong e uno degli uomini piu ricchi del mondo, si e sentito in dovere di rendere pubblici i suoi timori, parlando di follia speculativa per quanto sta succedendo in Cina. Anche il governo cinese si rende conto dei rischi che corre, ma non ha il coraggio di prendere decisioni radicali, amputando l’arto cancrenoso, ma si limita a mettere cerotti qua e la. L’ultimo intervento risale a venerdi scorso, quando la banca centrale cinese ha annunciato l’ennesimo ritocco ai tassi di interesse, un aumento dei depositi fissi e un della banda di fluttuazione dello Yuan.

I tre colpi in uno battuti dall’Istituto di Pechino hanno avuto un effetto pressoché nullo sulle attivita speculative. Forse perché queste mosse paiono destinate piu a tener buoni gli americani (che il ministro cinese dell’economia Wu Yi incontra oggi a Washington) che ad avere un reale effetto decelerativo sugli ingranaggi dell’economia. Uno dei pochi fattori fuori del loro controllo, che potrebbe provocare una rovinosa caduta, potrebbe essere un significativo calo negli acquisti di beni da parte degli Stati Uniti. Ormai si e stabilito un asse sempre piu stretto fra questi due Paesi: uno produce e l’altro consuma e si attirano come il ferro con una calamita.

Angelo Paratico