Pericle’s Funeral Oration

 

 

Most of those who have spoken here before me have commended the lawgiver who added this oration to our other funeral customs. It seemed to them a worthy thing that such an honor should be given at their burial to the dead who have fallen on the field of battle. But I should have preferred that, when men’s deeds have been made, they should be honored in deed only, and with such an honor as this public funeral, which you are now witnessing. Then the reputation of many would not have been imperiled on the eloquence or want of eloquence of one, and their virtues believed or not as he spoke well or ill. For it is difficult to say neither too little nor too much; and even moderation is apt not to give the impression of truthfulness.

The friend of the dead who knows the facts is likely to think that the words of the speaker fall short of his knowledge and of his wishes; another who is not so well informed, when he hears of anything which surpasses his own powers, will be envious and will suspect exaggeration. Mankind are tolerant of the praises of others so long as each hearer thinks that he can do as well or nearly as well himself, but, when the speaker rises above him, jealousy is aroused and he begins to be incredulous. However, since our ancestors have set the seal of their approval upon the practice, I must obey, and to the utmost of my power shall endeavor to satisfy the wishes and beliefs of all who hear me.

I will speak first of our ancestors, for it is right and seemly that now, when we are lamenting the dead, a tribute should be paid to their memory. There has never been a time when they did not inhabit this land, which by their valor they will have handed down from generation to generation, and we have received from them a free state. But if they were worthy of praise, still more were our fathers, who added to their inheritance, and after many a struggle transmitted to us their sons this great empire. And we ourselves assembled here today, who are still most of us in the vigor of life, have carried the work of improvement further, and have richly endowed our city with all things, so that she is sufficient for herself both in peace and war. Of the military exploits by which our various possessions were acquired, or of the energy with which we or our fathers drove back the tide of war, Hellenic or Barbarian, I will not speak; for the tale would be long and is familiar to you. But before I praise the dead, I should like to point out by what principles of action we rose to power, and under what institutions and through what manner of life our empire became great. For I conceive that such thoughts are not unsuited to the occasion, and that this numerous assembly of citizens and strangers may profitably listen to them.

Our form of government does not enter into rivalry with the institutions of others. Our government does not copy our neighbors’, but is an example to them. It is true that we are called a democracy, for the administration is in the hands of the many and not of the few. But while there exists equal justice to all and alike in their private disputes, the claim of excellence is also recognized; and when a citizen is in any way distinguished, he is preferred to the public service, not as a matter of privilege, but as the reward of merit. Neither is poverty an obstacle, but a man may benefit his country whatever the obscurity of his condition. There is no exclusiveness in our public life, and in our private business we are not suspicious of one another, nor angry with our neighbor if he does what he likes; we do not put on sour looks at him which, though harmless, are not pleasant. While we are thus unconstrained in our private business, a spirit of reverence pervades our public acts; we are prevented from doing wrong by respect for the authorities and for the laws, having a particular regard to those which are ordained for the protection of the injured as well as those unwritten laws which Ping upon the transgressor of them the reprobation of the general sentiment.

And we have not forgotten to provide for our weary spirits many relaxations from toil; we have regular games and sacrifices throughout the year; our homes are beautiful and elegant; and the delight which we daily feel in all these things helps to banish sorrow. Because of the greatness of our city the fruits of the whole earth flow in upon us; so that we enjoy the goods of other countries as freely as our own.

Then, again, our military training is in many respects superior to that of our adversaries. Our city is thrown open to the world, though and we never expel a foreigner and prevent him from seeing or learning anything of which the secret if revealed to an enemy might profit him. We rely not upon management or trickery, but upon our own hearts and hands. And in the matter of education, whereas they from early youth are always undergoing laborious exercises which are to make them Pave, we live at ease, and yet are equally ready to face the perils which they face. And here is the proof: The Lacedaemonians come into Athenian territory not by themselves, but with their whole confederacy following; we go alone into a neighbor’s country; and although our opponents are fighting for their homes and we on a foreign soil, we have seldom any difficulty in overcoming them. Our enemies have never yet felt our united strength, the care of a navy divides our attention, and on land we are obliged to send our own citizens everywhere. But they, if they meet and defeat a part of our army, are as proud as if they had routed us all, and when defeated they pretend to have been vanquished by us all.

If then we prefer to meet danger with a light heart but without laborious training, and with a courage which is gained by habit and not enforced by law, are we not greatly the better for it? Since we do not anticipate the pain, although, when the hour comes, we can be as Pave as those who never allow themselves to rest; thus our city is equally admirable in peace and in war. For we are lovers of the beautiful in our tastes and our strength lies, in our opinion, not in deliberation and discussion, but that knowledge which is gained by discussion preparatory to action. For we have a peculiar power of thinking before we act, and of acting, too, whereas other men are courageous from ignorance but hesitate upon reflection. And they are surely to be esteemed the Pavest spirits who, having the clearest sense both of the pains and pleasures of life, do not on that account shrink from danger. In doing good, again, we are unlike others; we make our friends by conferring, not by receiving favors. Now he who confers a favor is the firmer friend, because he would rather by kindness keep alive the memory of an obligation; but the recipient is colder in his feelings, because he knows that in requiting another’s generosity he will not be winning gratitude but only paying a debt. We alone do good to our neighbors not upon a calculation of interest, but in the confidence of freedom and in a frank and fearless spirit.

To sum up: I say that Athens is the school of Hellas, and that the individual Athenian in his own person seems to have the power of adapting himself to the most varied forms of action with the utmost versatility and grace. This is no passing and idle word, but truth and fact; and the assertion is verified by the position to which these qualities have raised the state. For in the hour of trial Athens alone among her contemporaries is superior to the report of her. No enemy who comes against her is indignant at the reverses which he sustains at the hands of such a city; no subject complains that his masters are unworthy of him. And we shall assuredly not be without witnesses; there are mighty monuments of our power which will make us the wonder of this and of succeeding ages; we shall not need the praises of Homer or of any other panegyrist whose poetry may please for the moment, although his representation of the facts will not bear the light of day. For we have compelled every land and every sea to open a path for our valor, and have everywhere planted eternal memorials of our friendship and of our enmity. Such is the city for whose sake these men nobly fought and died; they could not bear the thought that she might be taken from them; and every one of us who survive should gladly toil on her behalf.

I have dwelt upon the greatness of Athens because I want to show you that we are contending for a higher prize than those who enjoy none of these privileges, and to establish by manifest proof the merit of these men whom I am now commemorating. Their loftiest praise has been already spoken. For in magnifying the city I have magnified them, and men like them whose virtues made her glorious. And of how few Hellenes can it be said as of them, that their deeds when weighed in the balance have been found equal to their fame! Methinks that a death such as theirs has been the true measure of a man’s worth; it may be the first revelation of his virtues, but is at any rate their final seal. For even those who come short in other ways may justly plead the valor with which they have fought for their country; they have blotted out the evil with the good, and have benefited the state more by their public services than they have injured her by their private actions. None of these men were enervated by wealth or hesitated to resign the pleasures of life; none of them put off the evil day in the hope, natural to poverty, that a man, though poor, may one day become rich.

But, deeming that the punishment of their enemies was sweeter than any of these things, and that they could fall in no nobler cause, they determined at the hazard of their lives to be honorably avenged, and to leave the rest. They resigned to hope their unknown chance of happiness; but in the face of death they resolved to rely upon themselves alone. And when the moment came they were minded to resist and suffer, rather than to fly and save their lives; they ran away from the word of dishonor, but on the battlefield their feet stood fast, and in an instant, at the height of their fortune, they passed away from the scene, not of their fear, but of their glory.

Such was the end of these men; they were worthy of Athens, and the living need not desire to have a more heroic spirit, although they may pray for a less fatal issue. The value of such a spirit is not to be expressed in words. Any one can discourse to you for ever about the advantages of a Pave defense, which you know already. But instead of listening to him I would have you day by day fix your eyes upon the greatness of Athens, until you become filled with the love of her; and when you are impressed by the spectacle of her glory, reflect that this empire has been acquired by men who knew their duty and had the courage to do it, who in the hour of conflict had the fear of dishonor always present to them, and who, if ever they failed in an enterprise, would not allow their virtues to be lost to their country, but freely gave their lives to her as the fairest offering which they could present at her feast.

The sacrifice which they collectively made was individually repaid to them; for they received again each one for himself a praise which grows not old, and the noblest of all tombs–I speak not of that in which their remains are laid, but of that in which their glory survives, and is proclaimed always and on every fitting occasion both in word and deed. For the whole earth is the tomb of famous men; not only are they commemorated by columns and inscriptions in their own country, but in foreign lands there dwells also an unwritten memorial of them, graven not on stone but in the hearts of men. Make them your examples, and, esteeming courage to be freedom and freedom to be happiness, do not weigh too nicely the perils of war. The unfortunate who has no hope of a change for the better has less reason to throw away his life than the prosperous who, if he survive, is always liable to a change for the worse, and to whom any accidental fall makes the most serious difference. To a man of spirit, cowardice and disaster coming together are far more bitter than death striking him unperceived at a time when he is full of courage and animated by the general hope.

Wherefore I do not now pity the parents of the dead who stand here; I would rather comfort them. You know that your dead have passed away amid manifold vicissitudes; and that they may be deemed fortunate who have gained their utmost honor, whether an honorable death like theirs, or an honorable sorrow like yours, and whose share of happiness has been so ordered that the term of their happiness is likewise the term of their life. I know how hard it is to make you feel this, when the good fortune of others will too often remind you of the gladness which once lightened your hearts. And sorrow is felt at the want of those blessings, not which a man never knew, but which were a part of his life before they were taken from him.

Some of you are of an age at which they may hope to have other children, and they ought to bear their sorrow better; not only will the children who may hereafter be born make them forget their own lost ones, but the city will be doubly a gainer. She will not be left desolate, and she will be safer. For a man’s counsel cannot have equal weight or worth, when he alone has no children to risk in the general danger. To those of you who have passed their prime, I say: “Congratulate yourselves that you have been happy during the greater part of your days; remember that your life of sorrow will not last long, and be comforted by the glory of those who are gone. For the love of honor alone is ever young, and not riches, as some say, but honor is the delight of men when they are old and useless.

To you who are the sons and fathers of the departed, I see that the struggle to emulate them will be an arduous one. For all men praise the dead, and, however preeminent your virtue may be, I do not say even to approach them, and avoid living their rivals and detractors, but when a man is out of the way, the honor and goodwill which he receives is unalloyed. And, if I am to speak of womanly virtues to those of you who will henceforth be widows, let me sum them up in one short admonition: To a woman not to show more weakness than is natural to her sex is a great glory, and not to be talked about for good or for evil among men.

I have paid the required tribute, in obedience to the law, making use of such fitting words as I had. The tribute of deeds has been paid in part; for the dead have them in deeds, and it remains only that their children should be maintained at the public charge until they are grown up: this is the solid prize with which, as with a garland, Athens crowns her sons living and dead, after a struggle like-theirs. For where the rewards of virtue are greatest, there the noblest citizens are enlisted in the service of the state. And now, when you have duly lamented every one his own dead, you may depart.


Cina, il più grande casinò del mondo

La scorsa settimana avevamo descritto quel gigantesco casino che e diventato Macao, dopo l’arrivo dei biscazzieri di Las Vegas, ma avevamo dimenticato di accennare alla piu grande bisca del mondo: la borsa titoli della Cina comunista.

Da una parte del tavolo verde stanno i leader politici, affiancati dai loro banchieri, e dall’altra milioni di risparmiatori, che puntano il proprio denaro su societa che valgono come l’aria fritta o, nel migliore dei casi, sono sopravvalutate per quaranta o sessanta volte rispetto al loro valore intrinseco.

La nostra parra una definizione paradossale, ma purtroppo tale e la realta dipinta da economisti di vaglio, quelli che non si fanno sviare da interessi personali. E questa e solo una delle tante metafore usate per descrivere lo spettacolo al quale assistiamo, di pazzia che prevale sul buonsenso, con una folla di gente comune che fa la fila per acquistare azioni di tipo A sulle “ruote” di Shenzhen e di Shanghai.

Nessuno puo prevedere quando vi sara un crollo: secondo alcuni analisti questo potrebbe essere imminente, mentre secondo altri arrivara solo fra piu di un anno. Cio che pare certo e che questo crollo portera alla miseria milioni di investitori.

Non mancano gli esempi storici che possano darci un’idea di quanto accadra. Un precedente, spesso evocato, e quello del fallimento della Societa dei mari del Sud, a Londra nel 1720 che viene ancora studiato sui libri di testo di economia. Oppure, una situazione simile, a noi piu prossima, e quella della caduta della borsa di Taiwan nel 1990. Nel giro di pochi, orribili, giorni essa precipito dell’80 per cento, a un livello dal quale, in termini relativi, non si e ancora risollevata, nonostante siano passati diciassette anni.

Le similitudini fra la situazione di Shanghai e quella di Taipei sono molte, piu di quante possano apparire a prima vista, anche se, per via della sua minore capitalizzazione, gli effetti di quel sisma sull’economia della regione furono inferiori. A quel tempo Taiwan possedeva una economia ancora chiusa, come quella della Cina popolare. La liquidita abbondava per via di un grosso surplus nella bilancia dei pagamenti che porto a una repentina rivalutazione della sua divisa. Il mercato immobiliare tocco livelli folli e chi incassava tutti quei quattrini facili, non sapendo che farne, li giuocava in borsa. A quel tempo pareva che gli anni delle vacche grasse non dovessero finire mai e molta gente lascio il proprio lavoro per speculare a tempo pieno. Anche questo fenomeno e oggi osservabile in Cina.

La borsa di Shanghai continua a salire, nonostante i molti segnali di allarme lanciati da personalita del mondo politico e commerciale, che non sono riusciti a scalfire la ferma convinzione di tutti i piccoli speculatori. Sanno che, pur di non vedere il loro potere messo in discussione da un crollo, i leader politici cinesi utilizzeranno le enormi riserve valutarie detenute dalla banca centrale per appianare la voragine. Intuiscono anche che il governo non osera prendere delle decisioni drastiche proprio ora, perché deve affrontare due importanti appuntamenti: degli importanti cambi al vertice del Paese previsti per il mese di ottobre e le Olimpiadi di Pechino, che si terranno nel mese di agosto dell’anno prossimo. La situazione resta comunque preoccupante, perché uno scoppio della bolla speculativa potrebbe avere effetti deleteri su tutte le altre economie mondiali, ma soprattutto su quelle asiatiche.

A Hong Kong il timore e forte, tanto che anche Li Kashing, il proprietario della Chung Kong e uno degli uomini piu ricchi del mondo, si e sentito in dovere di rendere pubblici i suoi timori, parlando di follia speculativa per quanto sta succedendo in Cina. Anche il governo cinese si rende conto dei rischi che corre, ma non ha il coraggio di prendere decisioni radicali, amputando l’arto cancrenoso, ma si limita a mettere cerotti qua e la. L’ultimo intervento risale a venerdi scorso, quando la banca centrale cinese ha annunciato l’ennesimo ritocco ai tassi di interesse, un aumento dei depositi fissi e un della banda di fluttuazione dello Yuan.

I tre colpi in uno battuti dall’Istituto di Pechino hanno avuto un effetto pressoché nullo sulle attivita speculative. Forse perché queste mosse paiono destinate piu a tener buoni gli americani (che il ministro cinese dell’economia Wu Yi incontra oggi a Washington) che ad avere un reale effetto decelerativo sugli ingranaggi dell’economia. Uno dei pochi fattori fuori del loro controllo, che potrebbe provocare una rovinosa caduta, potrebbe essere un significativo calo negli acquisti di beni da parte degli Stati Uniti. Ormai si e stabilito un asse sempre piu stretto fra questi due Paesi: uno produce e l’altro consuma e si attirano come il ferro con una calamita.

Angelo Paratico

Il napoletano che volle farsi Re

«Ah, se potesse tornare Abu Tabela a governarci!» dicono con un sospiro i montanari che vivono attorno a Peshawar, in Pakistan. «Attento, che ti mando da Abu Tabela!» questa invece e la minaccia che usano le loro donne per far star buoni i bambini capricciosi. Ma chi sara mai Abu Tabela?

Il suo nome era Paolo Bartolomeo Avitabile, nativo di Agerola, un comune posto a sette chilometri da Amalfi. Nacque il 25 ottobre 1791 in una famiglia povera e a 16 anni si arruolo nell’esercito napoletano come artigliere, guadagnandosi dopo qualche anno i gradi di tenente. Dopo la sconfitta dei francesi a Tolentino passo ai Borboni, e venne ferito durante l’assedio di Gaeta, condotto dall’austriaco Dever, che poi lo raccomando per una promozione. Ferdinando III invece lo mise a mezza paga, e Avitabile decise di emigrare in America, ma la nave su cui s’era imbarcato fece naufragio vicino a Marsiglia. Pochi mesi dopo lo troviamo a Costantinopoli. Vi incontra due reduci di Waterloo che lo convincono a seguirli in Oriente, dove gli ufficiali napoleonici sono molto apprezzati. Avitabile, a giudicare dai quadri che ci restano di lui, faceva la sua bella figura in uniforme: era alto un metro e ottanta e i favoriti che portava sul volto gli davano un’aria marziale. Nel 1820 venne impiegato dallo shah di Persia, Fath Ali Shah e resto al suo servizio per sei anni, venendo promosso colonnello e decorato. Con Jean Baptiste Ventura, nativo di Modena, ma dragone nell’esercito francese, decise di spingersi ancora piu a Oriente. Arrivarono a Lahore nel 1827 dove furono immediatamente arruolati dal Maharaja Ranjit Singh, un monarca Sikh ambizioso e intelligente che gli affido la citta di Wazirabad, che Avitabile resse per sette anni con mano ferma e severa, facendola prosperare. Per questo motivo Singh gli affido poi Peshawar al confine con l’Afghanistan, una citta difficilissima da governare, presa da Singh nel 1818 e poi ripersa varie volte. Riusci nell’impresa quasi impossibile di governarla dal 1834 al 1843.

Avitabile viveva come un pasha a Peshawar, la Gandara di Alessandro Magno, dove disponeva d’un harem di donne e accumulava soldi e oro salassando senza pieta la popolazione. Risiedeva nel palazzo di Gor Khuttree, posto sulla collina che domina la citta, una fortezza di duemila metri quadrati, divisa in celle e saloni. Viveva li dentro, vegliato giorno e notte dalle sue guardie Sikh.

Paolo Bartolomeo Avitabile era originario di Amalfi
Paolo Bartolomeo Avitabile era originario di Amalfi

Il suo modo di governare fu quello d’un malavitoso, e sono proprio questi suoi metodi che lo resero famoso e famigerato. Il suo motto era “per ogni crimine, una testa” e non passava giorno senza che vi fossero delle esecuzioni capitali. I corpi delle vittime venivano poi lasciati marcire in bella vista, per spaventare i predoni che infestavano quelle terre. Usava anche impalare e spellare vivi certi condannati a morte, quando la gravita del crimine, a suo insindacabile giudizio, rendeva necessario uscire dalla norma. Un funzionario inglese, tale Mckinnon, dice che Avitabile soleva interrompere i suoi banchetti per controllare nelle stanze vicine come stava procedendo la tortura di qualcuna delle sue vittime. Il medico ungherese Honinberger, che lo curo per una frattura, scrisse un libro di memorie intitolato “Trentacinque anni in Oriente” in cui lascio detto che quell’uomo era uno psicopatico anche se sembrava normalissimo, e che godeva nell’assistere alle esecuzioni capitali. Attribui quel suo stato alterato a un eccesso di bevande alcooliche e al clima.

Joseph Wolff, un bizzarro missionario tedesco, scrisse che nonostante avesse ammassato una gran fortuna, sognava sempre di tornare a Napoli e mormorava: «Per amor di Dio, fatemi uscire da ’sto posto». Aveva fatto modificare il minareto della moschea di Mahabat Khan per trasformarlo in un trampolino di lancio per i condannati a morte. Uno di questi riusci ad attaccarsi al cornicione e urlava che Allah l’aveva miracolato, e i due boia non riuscivano a riacciuffarlo. Avitabile, per risolvere quella impasse scrisse la sua grazia su di una pergamena dicendo di consegnarla al disgraziato e una volta ripreso lo dovevano ributtare giu: “Allah perdona, Avitabile no” e infatti era famoso per non aver mai concesso la grazia a nessuno. Dopo aver eliminato tutti gli assassini sui quali riusciva a mettere le mani, comincio a occuparsi degli spioni e dei bugiardi, e racconto a un amico di Agerola che «un giorno venne da me ricrescere la lingua a coloro a cui io la tagliavo. Feci tagliare anche la sua. Da allora regno la pace a Peshawar». Tutta quella crudelta esercitava una forza ipnotica sulla popolazione, che da quelle parti la scambiavano per giustizia. Anche i taglia gole delle montagne lo rispettavano, credendo di avere a che fare con un malommo come loro.

La prova della loro ammirazione la si vide quando i suoi Sikh gli si ribellarono, ricattandolo per estorcergli grosse somme di denaro. Avitabile, con spirito machiavellico, chiamo i suoi nemici di sempre, i ladroni afghani delle montagne, convincendoli a massacrare i Sikh, e in cambio li avrebbe lasciati liberi di violentare le loro donne e rubare l’oro che si portavano dentro ai turbanti. Mentre quelli compivano la loro opera, Avitabile ando a far ferie a Jalalabad. Da Peshawar Avitabile controllava l’accesso al passo del Kyber, un punto strategico che segnava il confine fra il Pakistan e l’Afghanistan e che durante la prima guerra anglo afghana, dal 1839 al 1842, fu la chiave di volta del Grande Giuoco che veniva combattuto fra gli inglesi e i russi in Asia. Quando nel 1842 gli inglesi mandarono una spedizione punitiva per vendicare il massacro dei loro soldati e delle rispettive famiglie, Avitabile presto loro cifre enormi, munizioni, viveri, e si fece depositare quelle somme su un suo conto bancario di Londra.

Essendosi fatto ricco sfondato, nel 1843 Avitabile lascio la sua carica e fece ritorno a Napoli, dove s’aspettava un importante incarico alla corte di re Bomba, Ferdinando II. Gli porto dei doni favolosi dall’Oriente, ma venne completamente ignorato. Avitabile si fece costruire anche un bel palazzo vicino al paesello natio, facendo demolire le rovine della chiesa benedettina di San Severino, a Scanzano. Sposo la figlia di suo fratello, di quarant’anni piu giovane di lui, dopo aver ricevuto la dispensa dalla Chiesa, ma quella ragazza era gia fidanzata con un altro e fu cosi che, il 28 marzo 1850 alla vigilia di Pasqua, gli diedero da mangiare dell’agnello avvelenato. Dopo qualche ora di agonia nel suo palazzo appena intonacato, spiro, mormorando: «Mi hanno avvelenato, ma vi faccio vedere io chi e Avitabile…». Dove non erano arrivati gli assassini afghani arrivarono i parenti. Aveva solo cinquantanove anni. La lapide marmorea che posero sulla sua tomba e ancora visibile nella chiesa di San Martino, frazione Campora. Il nome del generale Paolo Avitabile e riemerso dall’oblio grazie al fortunato romanzo di George Mcdonald Fraser “Flashman” uscito nel 1969 in cui il protagonista, un simpatico cialtrone, viene fatto muovere entro a situazioni storiche ben documentate e incontra Avitabile a Peshawar, sbronzandosi bestialmente con lui, prima di ripartire per Kabul. Nel 2001 sul Corriere della Sera ne accenno Terzani in un suo reportage, e nel 2002 usci una biografia di Stefano Malatesta, in cui pero il Nostro appare come comparsa, piu che come protagonista.

Cinquant’anni dopo la sua morte, Julian Cotton, uno scrittore inglese, arrivo ad Agerola per indagare su di lui, e scriverci un libro, che venne poi tradotto in italiano nel 1917: gli fecero vedere il suo diario, purtroppo andato perduto, e parlo con gente che l’aveva conosciuto.

Il suo palazzo era gia in rovina, ma sulla porta era visibile ancora la scritta che il generale aveva fatto incidere. Era un frase di San Bernardo: «O beata solitudo, o sola beatitudo».

ANGELO PARATICO

Peste in Cina

La morte nera, la peste polmonare è riapparsa in Cina. Ha rifatto capolino nella remota provicia dello Qinghai, dove già si lamentano tre morti. Circa dieci giorni fa le autorità cinesi, resisi della gravità della situazione, avevano messo in quarantena l’intero villaggio di Ziketan, che conta diecimila anime. Ma poi, con un tempismo che ha sorpreso e sconcertato anche gli esperti della organizzazione mondiale della sanità,  sabato notte l’hanno sollevata.  Una dozzina di persone erano state infettate, mostrando i sintomi della malattia, ma erano state curate. Il cordone sanitario, avente un diametro di venticinque chilometri, che era stato posto attorno a Ziketan e che aveva un diametro di 25 chilometri, pare che non abbia funzionato come speravano, nonostante le assicurazione contrarie delle autorità sanitarie cinesi che sostengono che nessuno sia riuscito a uscire. Risulta però che le cose non stiano proprio così. Si erano registrate fughe di contadini terrorizzati, con il pericolo di diffondere il contagio nei villaggi vicini. Ai giornalisti non vien concesso di vistare queste zone, ma un cronista di un settimane cinese era riuscito a intervistare un lavorante stagionale, che gli aveva rivelato che, non solo erano fuggite delle persone dall’interno del cordone sanitario, ma anche che i paesi vicini s’erano spopolati.  L’origine dell’infezione pare sia da ricercarsi in un cane che ha divorato un opossum trovato già morto di peste e poi il suo padrone, un allevatore di 32, lo aveva seppellito senza alcuna protezione. Era stato lui la prima vittima umana del morbo, come il suo cane nel giro di 24 ore, infettando a sua volta dei vicini di casa. Un uomo di 34 anni e uno di 73 anni, che erano poi, a loro volta deceduti.

Questa variante della peste bubbonica, nota come pestis siderans o polmonare, pare essere molto più virulenta di quella descritta nei Promessi Sposi di Alessandro Manzoni. Il batterio che la provoca è lo stesso, noto come yersinia pestis, ma il punto di attacco è nell’apparato respiratorio, invece che nei linfonodi, provocando un edema polmonare. La mortalità per questa variante è del 90 per cento degli infettati, contro il cinquanta della variante bubbonica (nota anche come peste nera, per via degli ematomi che si formano sulla pelle) se entrambe queste forme infettive non vengono rapidamente trattate. Per essere colpiti da peste polmonare basta un colpo di tosse, non è necessaria la puntura di una zecca, come nel caso della variante bubbonica.

Questa malattia che dimezzò la popolazione europea durante il medioevo, e che la colpì ancora in ondate successive nei secoli futuri, sino alla fine del ‘600, proveniva dall’Oriente e si diffondeva trasmessa da roditori. Si dice che nella sua totalità abbia ucciso duecento milioni di persone nella sola Europa, a partire dalla sua prima apparizione in epoca tardo romana. Essendo causata da un un batterio e non da un virus, questa malattia è oggi agevolmente trattabile con antibiotici, ma in località remote, come il Qinghai, che si trova sotto al Tibet, può provocare un gran numero di morti, dato che uccide nel giro di uno o due giorni tutti coloro che ne vengono infettati, se non vengono curati con prontezza.

Il timore iniziale di molti, non appena apparve questa malattia, circa due settimane or sono, era che  prima che la macchina sanitaria del governo si potesse mobilitare e cominciasse a giungere sul posto tutti i rimedi necessari, sarebbero passati troppi giorni.

Il fatto che la quarantena sia stata sollevata con tanta celerità dimostra invece che le autorità sono preoccupate dalle possibili ripercussioni economiche di questa infezione, su un territorio che è già uno dei più poveri dell’intera Cina. In ciò pare che le cose al mondo non siano mutate molto dai tempi del Manzoni: gli stessi timori e la stessa cecità da parte delle autorità. Tutti abbiamo letto nelle scuole superiori il capolavoro del Manzoni e possiamo ricordare le sue magistrali descrizioni di come avessero reagito le autorità spagnole sotto alla pressione popolare. Una piccola divagazione storica: pochi sanno che la felice intuizione manzoniana circa l’origine del contagio, egli l’abbia presa da un amico medico, al quale riservò l’onore di una citazione in nota: Enrico Acerbi “Del morbo petecchiale e degli altri contagi”. L’Acerbi, nativo di Castano Primo in provincia di Milano, morì troppo giovane per portare a piena maturazione la sua felice intuizione, frutto di una attenta ricerca, ma dobbiamo ricordare che fu uno dei primi medici al mondo a intuire che all’origine delle malattie infettive esistessero degli orginismi elemntari, non visibili a occhio nudo. Un concetto che venne poi dimostrato sperimentalmente dal tedesco Robert Koch.

Il nome dato al battere yersina pestis deriva dal nome del suo scopritore, Alexandre Yersin, un francese che lavorò a Hong Kong e dove nel 1894 riuscì a separare l’agente patogeno. La sua opera venne agevolata da un sacerdote del PIME, pontificio istituto missioni estere, un brianzolo chiamato Bernardo Viganò che, avendo intuito l’importanza delle sue ricerche, non gli fece mancare i cadaveri di peste, che a quell’epoca colpiva anche il porto di Hong Kong.

Angelo Paratico

I piccoli principi cinesi

Un anno fa mi trovavo ad Accra, la capitale del Ghana, invitato dal Wto, assieme ad altri relatori, per discutere su come poter sviluppare l’industria tessile africana. Ci avevano sistemati in piccoli alberghi posti sull’oceano e di mattina condividevo il taxi con il vice presidente dell’industria tessile cinese e con il ministro per il commercio estero del Laos. Scherzavamo e ridevamo, mentre percorrevamo la strada polverosa che ci separava dal centro di quella città. Una mattina chiesi al cinese se fosse vero che il presidente Hu Jintao era stato un compagno di classe del figlio di Hu Yaobang, il segretario generale del partito comunista cinese, poi deposto da Deng Xiaoping. Lo vidi sbiancare in volto e mormorare che quella era: “Una domanda politicamente sensibile.”  Il mattino successivo prese un taxi da solo. Il suo imbarazzo dimostra come l’argomento dei principini come vengono chiamati in Cina i figli dei pezzi grossi del partito, sia sempre un argomento spinoso. La scorsa settimana, Bo Guagua, ha parlato alla Università di Pechino di fronte a centinaia di studenti. Nello scorso maggio ha ricevuto un premio speciale in Gran Bretagna, dove studia, per essere stato uno dei più brillanti giovani cinesi che vivono in quel Paese. Aveva ottenuto il massimo dei voti ad Harrow, una delle più prestigiose università inglesi e ora studia per un master a Oxford. È un giovane disinibito, di 22 anni e di bell’aspetto, che non ha esistato ad affermare che, una volta rientrato in Cina, non intende occuparsi di politica, né di affari. Ha rivelato di non possedere la tessera del partito comunista e che non intende richiederla, nonostante questa sia una chiave che apre molte porte. Le sue parole sono state riprese da vari blog e lette con grande interesse da migliaia di giovani cinesi, non abituati a tanta franchezza e candore. Bo Guangua, infatti, non è uno studente qualunque. È il figlio di Bo Xilai, il capo del partito comunista di Chongqing e suo nonno, Bo Yibo, era uno degli immortali del partito, che aveva fatto la Lunga Marcia a fianco di Mao. Per questo motivo il suo discorso ha destato tanto interesse: nessun principino prima di lui, aveva mai parlato così apertamente di sé stesso, dei suoi privilegi, delle sue speranze per il futuro. Le sue parole, però, sono già state bloccate in rete, assieme alle notizie relative alla inchiesta in corso Namibia che sta sfiorando un altro principino: Hu Haifeng, 38 anni e figlio del presidente Hu Jintao. Lo avevamo già scritto una settimana fa che nello stato africano hanno arrestato quattro persone collegate alla società cinese da lui presieduta sino a un anno fa, la Nuctech e della quale è ancora responsabile, essendo stato promosso a dirigere la holding che controlla una trentina di società, fra le quali anche questa. La comunità europea sta anch’essa indagando sulle attività di questa multinazionale, ma in questo caso è solo una questione commerciale, relativa ad accuse di dumping di loro prodotti, non di corruzione.  In Cina, ormai, quando si fa una ricerca di questo tipo su google o baidu, inserendo il nome di Hu Haifeng, appare una bandierina che avverte: “Seguendo le leggi vigenti certe informazioni non potranno essere mostrate.” Il 1 ottobre, a Pechino, verranno festeggiati i sessant’anni delle presa del potere da parte del partito comunista e ad Hu Jintao verranno resi onori militari che, in precedenza, erano stati riservati solo a Mao e a Deng. Questa inchiesta in Namibia potrebbe essere un’ombra che turberà il suo trionfo, se non verrà presto tamponata. Potrà essere fonte di enorme imbarazzo per lui, che ha fatto della lotta alla corruzione la propria parola d’ordine e spesso la definisce: “Una  questione di vita o di morte per il Paese.”  I cinesi, da millenni, la pensano come Confucio, ovvero, se uno non riesce a mettere in ordine la propria famiglia, non riuscirà mai a mettere in ordine uno Stato e, pertanto, non possiede un mandato celeste per governare.

Quella dei piccoli principi è una storia comune in Cina: i nipoti di Mao Tzetung, i figli di Li Peng, Jiang Zemin e tutti gli altri pezzi grossi, hanno studiato all’estero, un privilegio negato ai comuni cittadini cinesi e, tornati in Patria, hanno trovato delle comode poltrone che attendevano i loro deretani. Si dice che il novanta per cento dei tremila super ricchi cinesi siano dei “principini” e pare che ciascuna famiglia politica si sia scelta il proprio territorio dove operare: per esempio la famiglia di Li Peng controlla il settore energetico in Cina e sua figlia, Li Xiaolin, è presidente della China Power International; suo figlio, Li Xiapeng, è a capo della Huaneng Power. La famiglia del precedente presidente, Jiang Zeming, opera nel settore delle telecomunicazioni e quella del vecchio premier, Zhu Ronji, nel settore bancario. Il figlio del primo ministro Wen Jiabao, grande estimatore del pensiero cinico di Marco Aurelio e che predicava ai terremotati del Sichuan che la sofferenza invigorisce la Nazione, ha sistemato suo figlio, Winston Wen Yunsong, a presiedere la Unihub Global Network. La diffusione di queste notizie in Cina potrebbe avere effetti incendiari: perché con il progredire della crisi economica, il numero di laureati e diplomati che non trovano lavoro è in crescita esponenziale. Si segnala, infatti, anche una crescita nel numero di suicidi di ragazzi e di ragazze che non riescono a superare la vergogna e la delusione della disoccupazione. Dopo aver conseguito un diploma nelle città, sono costretti a tornare nei propri villaggi a mani vuote e ad affrontare i propri parenti, che si sono indebitati fino al collo per pagare i loro studi.

Angelo Paratico

L’ira del dragone fiammante

“Fai un passo oltre il confine di Lo Wu e sei in Cina e lì ti può accadere di tutto. Ti possono arrestare, accusare di corruzione, rubarti i soldi, sequestrarti, toglierti il passaporto senza darti alcuna spiegazione. Fai un passo indietro e sei a Hong Kong: qui nulla di illegale ti può accadere. Sei sicuro e protetto dalla legge” chi parla è il responsabile per l’Asia della Diadora, una ditta italiana di articoli sportivi che, purtroppo, è stata recentemente messa in amministrazione controllata.  L’argomento della nostra discussione riguarda l’arresto di quattro responsabili della Rio Tinto, il gigante minerario anglo-australiano. Una storia di cui s’è parlato poco in Italia, ma che fa correre brividi gelati lungo la spina dorsale di molti uomini d’affari che operano qui. Soprattutto di quei manager cinesi che si trovano a dirigere gli uffici di grosse società europee e americane, una tendenza che si va sempre più affermando: affidare queste società a delle persone che, pur avendo un passaporto straniero, sono di etnia cinese, parlano la lingua locale e ne conoscono la mentalità. Per la Cina, però, vale ancora la legge del sangue: non guardano a chi ha emesso il passaporto, ma piuttosto al sangue che scorre nelle vene di chi si trovano davanti, per decidere il loro modus operandi. È noto a tutti che senza le guangxi ossia le buone relazioni interpersonali, fatte di piccoli regali e favori, non si va da nessuna parte in Cina. Bisogna invitare i responsabili di uffici statali e industriali, pagati una miseria, nei karaoke, nei ristoranti, offrir loro regali, per oliare le ruote. Questa è una pratica comune, ma è illegale e quando si finisce sotto alla lente d’ingrandimento della polizia, si rischia grosso. Il caso della Rio Tinto è sintomatico di questa spada di Damocle che pende sulla testa di tutti coloro che operano in Cina: vede al centro l’arresto di un cittadino australiano di origine cinese, Stern Hu e di tre impiegati locali. Sono accusati di aver usato queste guangxi per aggirare le leggi. Avrebbero potuto arrestare uno degli impiegati bianchi della Rio Tinto, dato che la vecchia clausola colonialista di extraterritorialità non esiste più, ma così facendo avrebbero causato un incidente diplomatico ancora maggiore rispetto a quello che hanno creato. I quattro sono stati arrestati con l’accusa di aver corrotto dei funzionari per convincerli a farsi passare dei  “segreti di Stato” un’accusa che, se confermata, prevede la pena di morte e che porta a un processo per direttissima, a porte chiuse. Avevamo pubblicato un pezzo su questo giornale relativo alla fallita acquisizione d’una fetta del gigante minerario australiano Rio Tinto da parte della cinese Cinalco, un fatto che aveva ferito il loro orgoglio. I cinesi erano stati messi alla porta,  nonostante avessero buttato sul tavolo venti miliardi di dollari, un po’ perché l’opinione pubblica australiana aveva mostrato ostilità nei confronti di quella società statale cinese e dall’altro per via di una crescita del valore della società stessa. I quotidiani cinesi si riempirono di articolesse in cui veniva evidenziata la perfidia della Rio Tinto, contrapposta all’onestà e alla decenza della Cinalco. Accusavano gli uomini politici australiani per la mancata unione e un dispaccio della Xinhua, la loro agenzia informativa, titolava: “L’onestà è il sangue che scorre nelle vene degli uomini d’affari. La Cinalco supererà presto il colpo, ma per la Rio Tinto ci vorranno anni prima che recuperi la perduta verginità e la perdita della propria immagine.”  Nei blog cinesi erano apparsi molti commenti xenofobi in cui gli impiegati cinesi della Rio Tinto venivano chiamati, fra l’altro, “traditori della Patria”. Avevamo scritto che la Cina, come uno spasimante respinto, stava preparando la propria vendetta: ecco, ora la sta consumando. Una prima azione ostile da parte cinese fu la nuova legge anti-monopoli, rispolverata non appena si diffuse la notizia che i due giganti minerari australiani, la Rio Tinto e la Bhp Billiton avevano raggiunto un accordo di massima per creare una joint venture al cinquanta per cento per il controllo di tutte le loro operazioni minerarie nell’Australia occidentale, escludendo così i cinesi. Ma il fatto che intendevano usare una propria legge nazionale per andare a sindacare sulle attività industriali che un altro Paese riteneva perfettamente legali, suonava alquanto bizzarro. Devono essersi resi conto che non sarebbero andati da nessuna parte con la loro legge e pertanto hanno rispolverato i loro vecchi e ben testati metodi di intimidazione stalinista. L’arresto dei dipendenti della Rio Tinto ha provocato vibrate proteste da parte del primo ministro australiano Kevin Rudd, un sinofilo che parla mandarino. Rudd aveva posto la Cina al centro delle proprie attenzioni in politica estera e ora si trova in imbarazzo per via di questa vicenda. Ma chi di spada colpisce, di spada perisce…nel frattempo nella rete anti corruzione dello stato africano della Namibia è incappato il figlio del presidente cinese Hu Jintao, Hu Haifeng, 38 anni. Sino all’anno scorso era presidente della Nuctech, un grosso produttore di scanner, ma venne poi promosso a presiedere la Tsingua Holdings, un gigante multinazionale che controlla trenta società fra le quali anche la Nuctech. Quattro persone sono state arrestate nello stato africano, fra le quali il rappresentante cinese della Nuctech. Il figlio del presidente cinese per ora non è accusato di nulla, ma il responsabile della commissione anti corruzione della Namibia, Paulus Noah, ha dichiarato che vorrebbe sentirlo come persona informata dei fatti. Questa vicenda potrebbe provocare un enorme imbarazzo a Hu Jintao, anche se la notizia di questa indagine verrà censurata in Cina.

Angelo Paratico

Una Statua Per L’eroina Cinese

Pochi giorni fa, in un parco di Qinpu, una delle città satelliti sorte attorno a Shanghai, è stata svelata una statua di Zheng Pingru. Questa ragazza sarebbe la vera eroina del film di Ang Lee: Lust, Caution che fu presentato a Venezia nel 2007, dove vinse il Leone d’Oro. La scultura bronzea, a grandezza naturale, la ritrae nell’atto di cadere sul fianco, mani legate davanti, colpita dalle pallottole sparate da un plotone d’esecuzione. Aveva 26 anni ed era il 1940.  Se fosse viva oggi avrebbe 95 anni.  Pagò il prezzo supremo per aver attentato alla vita di Ding Mocun, il ministro dei trasporti nel governo collaborazionista di Wang Jingwei, ma la sua pistola s’inceppò. In quegli anni Shanghai era un crocevia di spie e di oscuri interessi. Anche l’Italia vi aveva una colonia e solo un anno dopo la tragica fine di questa ragazza, in condizioni analoghe venne fucilato anche un nostro connazionale, poco conosciuto in Italia, ma che ebbe una vita tanto avventurosa da meritare anche lui un film: si chiamava Amleto Vespa. Era un concittadino di Bruno Vespa, ma senza essere con lui imparentato, a dispetto del cognome. Il film di Ang Lee si basa  su di un racconto lungo appena 28 pagine, scritto da Eileen Chang. Nata in una famiglia ricca e influente di Shanghai, si trasferì poi a Hong Kong e negli Stati Uniti. Vi descrive la storia d’amore con il proprio marito, Hu Lancheng, che, come il personaggio del film, era un collaboratore dei giapponesi. Eileen lo amava moltissimo, ma egli fu un bigamo impenitente per tutta la sua vita, la tradì ripetutamente e infine l’abbandonò.  Eileen andò negli Stati Uniti e nel 1950, cercando di razionalizzare il proprio passato e di ricostruirlo da un punto vista emozionale, scrisse quella sua gemma letteraria. Dato che conteneva vari riferimenti intimi, si decise a pubblicarlo solo nel 1980. Morì a Los Angeles nel 1994, a 74 anni e il suo corpo venne scoperto solo alcuni giorni dopo il suo decesso, perché viveva isolata da un mondo che non riconosceva più.  Appena il film di Ang Lee uscì nei cinematografi, una signora ottantenne che viveva a Los Angeles disse di essere la sorella minore dell’eroina assassinata, rivelò che la loro madre era giapponese e protestò per le scene di sesso estremo che appaiono nella pellicola e che, del resto, non esistono neppure nel racconto di Eileen Chang. A questa protesta s’associò la Cina popolare che dapprima proibì il film, ma poi accettò di farlo distribuire, dopo che Ang Lee operò dei tagli sostanziali. L’autore di Brokeback Mountain è, evidentemente, un artista con la spina dorsale di gomma. Significativa anche la lista di questi tagli: tutte le scene di sesso, l’immagine di un rifugiato che giace morto per strada e la parte più importante del dialogo finale: nella versione cinese non è più l’eroina che mette in guardia Ding Mocun, permettendogli di fuggire. Questo stravolge completamente la storia, basata sul fatto che l’amore vince sulle convinzioni politiche e sull’odio partigiano. Alla cerimonia ufficiale per l’inaugurazione del monumento erano presenti alcuni parenti dell’eroina, accademici, autorità e Xu Hongxin, l’autore di un libro intitolato: “La scoperta di segreti d’archivio  relativi al principale carattere femminile nel film Lust & Caution – Una donna spia.” Possiamo indovinare cosa c’è scritto, senza bisogno di leggerlo: era una grande patriota, castissima e stimava e ammirava moltissimo i comunisti, con i quali intratteneva cordiali rapporti, anche se faceva parte del Kuomingtang, ovvero del partito di Chan Kaishek che avrebbe voluto liquidarli prima ancora dei giapponesi. Un altro fatto di cui certamente non parla è che il personaggio cattivo del film, Ding Mocun, non era poi così cattivo come appare, ma addirittura era anche lui una spia al servizio del Kuomingtang e che, pertanto, se lo avesse davvero ucciso, avrebbe commesso un grave errore. Solo un anno dopo la morte di Zheng Pingru, infatti, il ministro dell’educazione del Kuomingtang, Chen Lifu, si mise in contatto con lui per arruolarlo a pieno titolo nella propria rete spionistica, questo lo si evince dal diario di Chen, che non verrà mai pubblicato in Cina sotto all’attuale regime, ma che è uscito a Taiwan. I due uomini si stimavano e si aiutavano, tant’è che nel 1945, con la sconfitta del Giappone, Ding Mocun venne nominato dal Kuomingtang governatore militare della provincia dello Zhejiang. Successivamente la storia della fucilazione della giovane ragazza emerse sui giornali e Ding venne imprigionato. Chen Lifu promise di aiutarlo a chiarire tutti i malintesi riguardanti il suo passato, parlando direttamente al generalissimo Chang Kaishek. Ma le cose non andarono nel verso giusto per lui perché, mentre stava in carcere in attesa del processo, si sentì male e venne portato in ospedale. Una volta ristabilitosi, prima di ritornare dietro alle sbarre, volle farsi un giro sul lago di Xuanwu e un giornalista che stava lì per caso lo riconobbe e gli scattò una foto. Il giorno dopo Chang Kaishek aprì il giornale e lo vide bello e felice su di una barca, montò su tutte le furie e urlò: “Come può andare sul lago questo, se è malato? Fucilatelo immediatamente!”

Così fecero, senza un processo, era il 5 luglio 1947.

 

Angelo Paratico

Flash Gordon Contro Alien?

“Per quanto riguarda la rivoluzione militare, la competizione fra gli eserciti sta migrando nello spazio…questa è una inevitabilità storica, uno sviluppo che non può essere ignorato. Solo la forza può proteggere la pace” chi parla così non è il Signore delle Tenebre, nel film Guerre Stellari, ma il generale Xu Qilian, che sta a capo dell’aviazione cinese. Queste sue parole fanno cadere la maschera alla dirigenza comunista cinese, che aveva sempre negato di nutrire questo genere di ambizioni. Anche nel gennaio 2007, quando avevano usato un raggio laser per distruggere un loro vecchio satellite, parlarono di un semplice esperimento scientifico. Le sue parole, contenute in un’intervista stampata dal quotidiano delle forze armate cinesi, costituisce un articolato discorso strategico. Ha voluto aggiungere, per meglio chiarire il concetto, che d’ora innanzi la Cina assumerà una strategia attiva, non passiva, preparandosi a colpire obiettivi posti al di fuori dei propri confini nazionali. Ha aggiunto: “Gli interessi cinesi si stanno ampliando e il Paese è entrato nell’era spaziale. Il partito comunista cinese e il popolo sono stati investiti da un compito storico. Dopo un’ approfondita analisi abbiamo deciso di cambiare. Le forze aeree estenderanno la propria influenza dal cielo allo spazio, dalla difesa del territorio cinese, all’attacco. Miglioreremo la nostra capacità di colpire a lunga distanza, di combattere guerre elettroniche, via internet, con l’assistenza dei satelliti in orbita nello spazio…La Cina diventerà una potenza mondiale verso la metà del XXI secolo e la sua arma aerea deve essere in grado di neutralizzare varie forme di attentati alla propria sicurezza.” Gli esperti sottolineano l’importanza strategica delle sue parole: la Cina non risponderà più solo se attaccata – anche se in Corea, Tibet, Vietnam aggredì senza provocazione – ma si sta preparando a guerre preventive. L’aviazione vuol fare la sua parte, come la marina, che ha ricevuto ingenti fondi e che sta preparandosi a varare delle portaerei. Alla vigilia del viaggio a Pechino di Barack Obama, si segnala una crescente insoddisfazione per la leggerezza con la quale la sua amministrazione affronta il pericolo cinese. Il 21 ottobre scorso, a Seoul, parlando a dei giornalisti, il comandante in capo delle forze americane nel Pacifico, il contrammiraglio Robert F. Willard, si è lasciato scappare delle parole che son passate inosservate ai più, ma che hanno stupito i veri esperti presenti. Ha detto: “Obietterei che, più o meno, durante il decennio passato, ogni anno la Cina ha superato le nostre stime di intelligence circa le loro capacità belliche. In quel campo sono cresciuti a un tasso senza precedenti.”
In pratica, con molto tatto, ha accusato i servizi americani e, di riflesso, anche i politici, di aver sotto-stimato la crescita di questa tirannia nucleare. Questo genere di affermazioni sono rare a Washington, soprattutto quando c’è di mezzo un importante partner economico, ma lasceranno certamente il segno, dato che questo ufficiale è stimato per la sua competenza e per la sua aderenza ai fatti. Resta da chiederci cosa effettivamente intendeva dire. Le informazioni che gli sono arrivate sulla sua scrivania e su quella dei suoi predecessori erano sbagliate? Di quanto? Del 10 o del 30 per cento? Lui da chi lo ha saputo e cosa intendeva dire di preciso? Forse gli Americani stanno ripetendo gli errori commessi con l’Urss negli anni settanta e ottanta. Una volta dissolto l’impero del male, gli esperti scoprirono di aver sottostimato in maniera grossolana i loro armamenti: nell’ordine del duecento e del trecento per cento.
Ritornando alle affermazioni spaziali del generale Xu Qiliang, che citavamo in apertura, è chiaro a tutti dove, prima di tutto, intendono puntare l’occhio dei loro satelliti spaziali e inquadrare i bersagli da colpire con i loro missili. Taiwan. Per il momento le acque dello stretto sono calme e regna una relativa armonia fra i due Paesi, grazie all’abilità diplomatica del presidente Ma Ying-jeou, il quale deve aver capito che, in caso di pericolo, difficilmente l’attuale amministrazione americana li soccorrerà. Infatti, i segnali che si sono visti di recente al Congresso puntano in questa direzione. Una lotta sotterranea è in corso fra chi vorrebbe continuare a vendere armi a Taiwan e chi, rispondendo alle minacce cinesi, vorrebbe sospenderle. Un contratto da 6,5 miliardi di dollari per la vendita di caccia F16 è ad alto rischio. Nel luglio scorso, durante il suo ultimo viaggio a Pechino, il segretario di Stato Hillary Clinton era stata avvisata di cancellarlo, se vuol mantenere delle buone relazioni con la Cina. Nel frattempo i Cinesi continuano a puntare i propri missili a corto raggio contro a Taiwan. Per questo motivo il continuare a vendergli armi, mantenendo un equilibrio, paradossalmente diventa un fattore di pace e non di guerra. Si calcola che la Cina abbia da 1.050 a 1.150 missili puntati contro di loro e ne aggiunge 100 ogni anno che passa. Non solo, ma li sta rinnovando, aumentando la loro precisione, che è vitale per il loro impiego. L’accuratezza di missili dispiegati cinque anni fa era di circa 300 metri, mentre i nuovi modelli avrebbero una precisione di 5 metri. Questa precisione consentirà alle forze armate cinesi di colpire tutti i loro aeroporti e gli hangar, neutralizzandoli nel giro di un’ora e trasformando questa isola di democrazia in un’anatra dalle ali tarpate. Questa è una situazione esplosiva, che potrebbe sfuggire di mano in momenti di tensione. La Cina potrebbe agevolmente vincere militarmente, ma cadrebbe poi travolta da un’ondata di indignazione popolare provocata dal suo barbaro gesto.

Angelo Paratico

Obama, La Cina E Il Dalai Lama

La notizia e circolata domenica scorsa, come il fuoco nelle praterie. Tre funzionari del governo presieduto da Barack Obama, guidati da Valerie Jarrett, sono giunti a Dharamsala, in India, dove ha sede il governo in esilio del Dalai Lama. Lunedi avevano incontrato il primo ministro tibetano Samdhong Rimpoche e il portavoce del Dalai Lama, Lodi Gyari. Il leader spirituale tibetano era appena rientrato da un viaggio in Slovacchia, ma ieri ha potuto ricevere gli inviati americani. Nel terzetto c’era anche Maria Otero, sottosegretario del dipartimento di Stato, incaricata di fare da coordinatrice per gli affari tibetani. La Otero ha portato i saluti del presidente Obama al Dalai Lama, rassicurandolo sul fatto che tutta l’amministrazione statunitense intende continuare a proteggere la loro cultura, la loro religione e il loro stile di vita. Il Dalai Lama ha ringraziato calorosamente tutti i componenti di questa delegazione d’altissimo livello, la piu alta dal tempo della visita di Nancy Pelosi caduta nel marzo 2008 e ha apprezzando il loro interesse per una risoluzione pacifica del problema tibetano, attraverso il dialogo con la Cina. Il premio Nobel tibetano ha in programma di visitare gli Stati Uniti il mese venturo e spera di potervi incontrare il nuovo presidente americano. La Cina ha gia fatto sapere che e contraria a tale incontro e che questo non s’ha da fare, altrimenti i rapporti bilaterali fra i due Paesi verranno irrimediabilmente compromessi. Il solito disco rotto, insomma. Fra l’altro, anche il presidente cinese Hu Jintao e atteso negli Stati Uniti, a Pittsburgh dal 24 al 25 settembre, per una riunione dei Paesi del G20. Per evitare una sua cancellazione, in segno di protesta, siamo certi che l’annuncio del possibile incontro fra Obama e il Dalai Lama verra diffuso solo dopo Pittsburgh. Speriamo solo che il neo eletto presidente americano non si fara intimidire dalle minacce cinesi. Tutto sommato un po’ di tensione con la Cina gli potra solo essere di giovamento: potra servire a deflettere tutte le critiche che gli stanno piovendo addosso a causa dei suoi lodevoli sforzi nel voler risolvere una delle grandi piaghe del sistema America: la mancanza di un servizio medico paragonabile alla nostra mutua. Un segnale che il presidente Obama e ormai disposto a guardare i Cinesi negli occhi e dato dal fatto che, venerdi scorso, egli ha approvato l’imposizione di un 35 per cento di tasse sulla importazione di pneumatici prodotti in Cina. La Casa Bianca ha parlato di un meccanismo automatico, imposto dalla necessita di essere equi nei confronti di tutti. Ma la riposta cinese non si e fatta attendere. Come sempre sogliono fare in questi casi, hanno tirato un pugno sotto alla cintura, dichiarando di aver dato inizio a una inchiesta anti dumping sulla importazione di carne di pollo e di pezzi di ricambio per auto di provenienza statunitense. Non si capisce perché non avevano dato inizio a tale inchiesta nei mesi precedenti, se davvero pensavano che ne esistono gli estremi. Il ministero per il commercio cinese ha fatto sapere che ritiene questa imposizione fiscale sugli pneumatici come un atto di puro protezionismo e che lanceranno altre indagini sul Made in USA, se l’attuale amministrazione americana non si decidera a cambiare rotta. Si lamentano, ma devono fare attenzione a come si muovono, perché lo stretto controllo che mantengono sulla propria moneta e di per sé stesso contrario alle leggi del Wto e costituisce un immenso atto di dumping. Obama, con altri senatori, aveva a suo tempo scritto una lettera al presidente Bush per protestare contro alla Cina, che manipola la propria divisa al fine di promuovere le proprie esportazioni. Ora si trova seduto al posto di Bush e non puo piu limitarsi a scrivere lettere. L’economia cinese, a dispetto della sua apparente buona salute, si trova su di un asse inclinato coperto di olio. Resta troppo basata su capitali provenienti dall’estero, che vengono impiegati per finanziare la crescita in settori a basso contenuto tecnologico e a basso profitto. La crescita spettacolare del Pil che hanno segnato in questi anni l’hanno ottenuta tassando i propri cittadini. Questo genere di tasse si chiamano bassi salari. Una sorta di tassazione trattenuta dalla Stato e che neppure appare in busta paga. Lavori che in Europa verrebbero pagati mille euro mensili, in Cina vengono pagati cento euro mensili. Il 90 per cento di tasse, dunque. Gli economisti cinesi conoscono bene i rischi che stanno correndo e, per questo motivo, a partire dall’inizio della crisi economica mondiale, iniziata il 14 settembre 2008, hanno insistito a voler aumentare i consumi interni. Una speranza che si sta rivelando fallace, perché le cifre diffuse dall’ufficio delle statistiche di Pechino mostrano che questo non sta avvenendo: anzi, si e registrato un nuovo calo del 17% sulle importazioni e del 23.4 per cento sulle esportazioni. La Cina non puo permettersi di alzare troppo la voce con Stati Uniti, né di alzare troppo la tensione, per evitare di segare il ramo su cui siedono, ma la progressione delle minacce cinesi e cosa nota e prevedibile: la loro stampa comincera a pubblicare storie in cui viene esposta la doppiezza e la disonesta americana, rapportata all’onesta cinese. Il passo successivo potra essere l’arresto di qualche cittadino americano, con l’accusa di spionaggio e la cancellazione di vari incontri ad alto livello e contratti con societa americane. Un po’ come hanno fatto con gli australiani della Rio Tinto: furia controllata, per punire chi si comporta male nei loro confronti. Potranno anche arrivare a minacciare di vendere una parte dei miliardi di dollari di buoni del tesoro americano che possiedono. Questa minaccia, infatti, ha gia fatto capolino sulla stampa cinese durante il fine settimana, ma questo dimostra solo l’ignoranza a livello fiscale di certi giornalisti. Non capiscono che, per ogni cosa che si vuol vendere, bisogna che esista qualcuno disposto a comprare. Inoltre, i loro acquisti di buoni del tesoro americano son solo il segno che gli Americani stanno acquistando merci cinesi, mentre loro, i Cinesi, non stanno comprando abbastanza merci e servizi di provenienza americana.

Angelo Paratico

La Cina Compie 60 Anni

La repubblica popolare cinese venne fondata il 1 ottobre 1949. Dunque, la cosiddetta liberazione cinese sta per compiere sessant’anni. Stanno preparando grandi festeggiamenti, parate militari, marce e canzoni. A Pechino hanno proibito ai negozi di vendere coltelli e chiuso il Tibet ai turisti. Lunedi un autobus vuoto s’era incendiato nella capitale cinese, per cause naturali, ma questo e bastato per provocare un caos fra le forze dell’ordine. La somma di tutte le loro paure e riassunta in un libro, scritto da Lung Ying-tai, una docente di giornalismo presso l’universita di Hong Kong. E’ uscito a Taiwan due settimana fa e sta avendo un successo strepitoso: ha gia venduto centomila copie ed e possibile che arrivi a venderne piu di un milione nel giro di qualche mese. S’intitola: Grande fiume, Grande mare. Storie mai raccontate del 1949. L’idea di scriverlo venne all’autrice nel 1989 mentre stava a Berlino, dove poté assistere alla caduta del Muro. Venne colpita dall’idea che i suoi concittadini passati attraverso il trauma del 1949 erano gia vecchi e non sarebbero vissuti ancora a lungo. Per questo motivo avverti l’urgenza di raccogliere le loro parole. Tornata a Taiwan comincio a registrare testimonianze orali, a raccogliere vecchi giornali, libri dimenticati e poi catalogare tutto con cura. Solo l’anno scorso si mise all’opera: si rinchiuse in casa per 400 giorni e poi smise di leggere i quotidiani e di ascoltare i telegiornali, per poter entrare in una macchina del tempo mentale e rivivere quei drammi, udire le grida di tutte quelle vittime innocenti, i loro pianti e i loro lamenti. In questa opera ha raccolto tante storie di persone minute e di persone famose, che furono inghiottite in quel maelström. Fra i famosi vi troviamo l’attuale presidente di Taiwan, Ma Ying-jeou e lo studioso di fisica Paul Chu. C’e anche la storia della sua famiglia, che e commovente. Sua madre, fuggendo con il marito a Taiwan, lascio il suo primogenito alla suocera in una stazione ferroviaria, perché il loro treno era pieno all’inverosimile di rifugiati. L’autrice del libro, nata a Taiwan nel 1952, rivide questo suo fratello solo nel 1985, a Canton. Questa sua opera e stata presentata presso il suo ateneo qualche giorno fa. Ascoltiamo cio che dice, dalla sua viva voce: “Nella tradizione cinese 60 anni e una data importante. Pechino dovrebbe marcare quel giorno, ma non festeggiarlo. Si dice che dietro a ogni valoroso generale stiano diecimila cadaveri e una delle parti non dovrebbe infierire sull’altra, caratterizzandola come perdente. Circa un milione e mezzo di persone fuggirono a Taiwan e molti si lasciarono dietro figli, genitori, mariti. Mio padre era un ufficiale nell’esercito di Chang Kaishek e non vide piu sua madre, che era corsa alla stazione ferroviaria per dare un ultimo bacio al figlio. Fece in tempo a dargli un paio di pezze da piedi, che aveva fatto con le sue mani, all’uncinetto. Mi e capitato spesso di vedere mio padre piangere, quando si toglieva le scarpe. I miei genitori persero tutto: casa, terreni, parenti, amici e mio padre s’adatto a fare il poliziotto in un villaggio.”
Anche sua madre non rivide piu i genitori e, inoltre, il suo paese nativo, ricco in monumenti e con una storia di mille anni, venne sommerso da una diga nel 1958 e i suoi trecentomila abitanti vennero spostati in un’altra zona, senza concedere loro nessuna compensazione.
Lung dice che anche a Taiwan esiste una notevole ignoranza su quegli avvenimenti, perché i perdenti non amano rivangare il proprio passato e ammettere i propri errori, soprattutto se e un passato orrendo, nella sua magnitudine. Aggiunge: “Per esempio nessuno ha mai sentito nominare l’assedio di Changchun, la capitale della provincia del Jilin. Dal marzo fino all’ottobre del 1948 Lin Biao il comandante della PLA taglio tutti i rifornimenti di cibo alla popolazione chiusa in quella citta. Dentro c’erano centomila soldati del Kmt e un milione di civili. Si registrarono numerosi casi di cannibalismo e alla fine i morti furono da un minimo di centomila a un massimo di seicentocinquantamila. Sono stata in quella citta recentemente, ma nessuno ne sa nulla. Tutti conoscono il massacro di Nanchino perpetrato dai Giapponesi, ma nessuno parla di questo massacro e di tanti altri. Molte furono le ingiustizie commesse durante questi sessant’anni, ma nessuno si e mai scusato. Tanti debiti non son stati ripagati. Tanti atti di generosita non son stati riconosciuti e tante ferite non si sono rimarginate.”
L’autrice conclude dicendo che lo scrivere questo libro e stato un po’ come aprire la scatola nera d’un aereo caduto, ma si affretta ad aggiunge: “In Cina c’e bisogno di scrivere centomila libri simili. Vi sono troppe scatole nere in giro. Se la pace ci sta davvero a cuore, allora dobbiamo capire il dolore che le nostre celebrazioni provocano alla parte avversa. Se il popolo sulle due rive dello stretto di Taiwan non si conoscono, allora non c’e nessuna base di fratellanza. Non puo bastare la pace solo fra i leader politici.”
Bella una frase che mette nella introduzione: “Guerra?  C’e un vincitore? Io sono fiera di far parte della prossima generazione dei perdenti.” Da questa vicenda, anche noi Italiani, figli del 25 Aprile, avremmo molto da imparare.

La repubblica popolare cinese venne fondata il 1 ottobre 1949. Dunque, la cosiddetta liberazione cinese sta per compiere sessant’anni. Stanno preparando grandi festeggiamenti, parate militari, marce e canzoni. A Pechino hanno proibito ai negozi di vendere coltelli e chiuso il Tibet ai turisti. Lunedi un autobus vuoto s’era incendiato nella capitale cinese, per cause naturali, ma questo e bastato per provocare un caos fra le forze dell’ordine. La somma di tutte le loro paure e riassunta in un libro, scritto da Lung Ying-tai, una docente di giornalismo presso l’universita di Hong Kong. E’ uscito a Taiwan due settimana fa e sta avendo un successo strepitoso: ha gia venduto centomila copie ed e possibile che arrivi a venderne piu di un milione nel giro di qualche mese. S’intitola: Grande fiume, Grande mare. Storie mai raccontate del 1949. L’idea di scriverlo venne all’autrice nel 1989 mentre stava a Berlino, dove poté assistere alla caduta del Muro. Venne colpita dall’idea che i suoi concittadini passati attraverso il trauma del 1949 erano gia vecchi e non sarebbero vissuti ancora a lungo. Per questo motivo avverti l’urgenza di raccogliere le loro parole. Tornata a Taiwan comincio a registrare testimonianze orali, a raccogliere vecchi giornali, libri dimenticati e poi catalogare tutto con cura. Solo l’anno scorso si mise all’opera: si rinchiuse in casa per 400 giorni e poi smise di leggere i quotidiani e di ascoltare i telegiornali, per poter entrare in una macchina del tempo mentale e rivivere quei drammi, udire le grida di tutte quelle vittime innocenti, i loro pianti e i loro lamenti. In questa opera ha raccolto tante storie di persone minute e di persone famose, che furono inghiottite in quel maelström. Fra i famosi vi troviamo l’attuale presidente di Taiwan, Ma Ying-jeou e lo studioso di fisica Paul Chu. C’e anche la storia della sua famiglia, che e commovente. Sua madre, fuggendo con il marito a Taiwan, lascio il suo primogenito alla suocera in una stazione ferroviaria, perché il loro treno era pieno all’inverosimile di rifugiati. L’autrice del libro, nata a Taiwan nel 1952, rivide questo suo fratello solo nel 1985, a Canton. Questa sua opera e stata presentata presso il suo ateneo qualche giorno fa. Ascoltiamo cio che dice, dalla sua viva voce: “Nella tradizione cinese 60 anni e una data importante. Pechino dovrebbe marcare quel giorno, ma non festeggiarlo. Si dice che dietro a ogni valoroso generale stiano diecimila cadaveri e una delle parti non dovrebbe infierire sull’altra, caratterizzandola come perdente. Circa un milione e mezzo di persone fuggirono a Taiwan e molti si lasciarono dietro figli, genitori, mariti. Mio padre era un ufficiale nell’esercito di Chang Kaishek e non vide piu sua madre, che era corsa alla stazione ferroviaria per dare un ultimo bacio al figlio. Fece in tempo a dargli un paio di pezze da piedi, che aveva fatto con le sue mani, all’uncinetto. Mi e capitato spesso di vedere mio padre piangere, quando si toglieva le scarpe. I miei genitori persero tutto: casa, terreni, parenti, amici e mio padre s’adatto a fare il poliziotto in un villaggio.”
Anche sua madre non rivide piu i genitori e, inoltre, il suo paese nativo, ricco in monumenti e con una storia di mille anni, venne sommerso da una diga nel 1958 e i suoi trecentomila abitanti vennero spostati in un’altra zona, senza concedere loro nessuna compensazione.
Lung dice che anche a Taiwan esiste una notevole ignoranza su quegli avvenimenti, perché i perdenti non amano rivangare il proprio passato e ammettere i propri errori, soprattutto se e un passato orrendo, nella sua magnitudine. Aggiunge: “Per esempio nessuno ha mai sentito nominare l’assedio di Changchun, la capitale della provincia del Jilin. Dal marzo fino all’ottobre del 1948 Lin Biao il comandante della PLA taglio tutti i rifornimenti di cibo alla popolazione chiusa in quella citta. Dentro c’erano centomila soldati del Kmt e un milione di civili. Si registrarono numerosi casi di cannibalismo e alla fine i morti furono da un minimo di centomila a un massimo di seicentocinquantamila. Sono stata in quella citta recentemente, ma nessuno ne sa nulla. Tutti conoscono il massacro di Nanchino perpetrato dai Giapponesi, ma nessuno parla di questo massacro e di tanti altri. Molte furono le ingiustizie commesse durante questi sessant’anni, ma nessuno si e mai scusato. Tanti debiti non son stati ripagati. Tanti atti di generosita non son stati riconosciuti e tante ferite non si sono rimarginate.”
L’autrice conclude dicendo che lo scrivere questo libro e stato un po’ come aprire la scatola nera d’un aereo caduto, ma si affretta ad aggiunge: “In Cina c’e bisogno di scrivere centomila libri simili. Vi sono troppe scatole nere in giro. Se la pace ci sta davvero a cuore, allora dobbiamo capire il dolore che le nostre celebrazioni provocano alla parte avversa. Se il popolo sulle due rive dello stretto di Taiwan non si conoscono, allora non c’e nessuna base di fratellanza. Non puo bastare la pace solo fra i leader politici.”
Bella una frase che mette nella introduzione: “Guerra? C’e un vincitore? Io sono fiera di far parte della prossima generazione dei perdenti.” Da questa vicenda, anche noi Italiani, figli del 25 Aprile, avremmo molto da imparare.

Angelo Paratico