Dove saranno finiti i nostri giovani?

Cangrande, Dante e il ruolo delle stelleLa settimana appena trascorsa, a Verona, è stata molto viva dal punto di vista culturale.

Il 20 febbraio, alla Società Letteraria, Dino Messina ha presentato il suo coraggioso libro intitolato “Italiani due volte. Dalle foibe all’esodo: una ferita aperta della storia italiana” pubblicato da Solferino.
Dino Messina, un giornalista di lungo corso al Corriere della Sera, ha voluto abbandonare i propri abiti da storico per indossare quelli che indossò in gioventù, ritornando a fare il “cronista di storie.” Il suo è un libro molto bello, ben strutturato ed equo, perché scevro da distorsioni politiche. Messina intervista i superstiti di quelle violenze e i loro discendenti, per tentare di stabilire cosa è davvero accaduto, non per tardive rivalse ma per evitare che simili tragedie si ripetano. Fra il pubblico v’era un’anziana signora che ha visto con i propri occhi, quanto accadde e tutti noi, incluso l’autore, abbiamo accolto in rispettoso silenzio la sua testimonianza. È stata una bella serata, ma con unico punto negativo: non v’erano giovani.
La sera successiva, il 21 febbraio, abbiamo seguito una nuova presentazione di un libro. Questa volta alla Biblioteca Capitolare, un monumento alla sapienza europea, essendo la più antica biblioteca del mondo, che affonda le proprie radici nei tempi foschi che annunciavano la fine dell’impero romano.
Il libro che è stato presentato è stato scritto dallo storico Maurizio Brunelli e s’intitola “Cangrande, Dante e il ruolo delle Stelle” edito da Gingko Edizioni. La sala era esaurita e in fondo alcune persone sono state costrette a restare in piedi, per mancanza di sedie. Oltre all’autore erano presenti delle illustri personalità locali, come il presidente della Serit, Massimo Mariotti; la presidente della locale sede della Dante Alighieri, Maria Maddalena Buoninconti e il vice presidente, Amedeo Portacci, che avevano organizzato quell’incontro; Mons. Bruno Fasani, Prefetto della Biblioteca Capitolare; Gianni Fontana, ex ministro; la saggista Elisabetta Zampini, che ha fatto da moderatrice. Alberto Zucchetta, un grande artista di stampo Leonardesco, e anche il provveditore agli studi di Verona. Fra il pubblico si scorgeva Michele Zerman, gran tessitore di fecondi intrecci…
L’argomento trattato da Brunelli era molto interessante: la grande storia mischiata all’astrologia antica, alla quale sia Dante Alighieri che Cangrande della Scala credevano fermamente, al punto di essere guidati dai responsi astrali. I due avevano un grande piano: conquistare manu militari l’Italia settentrionale e trasformarlo in uno stato forte, mettendo fine alle lotte fra le città stato.
La serata è stata molto frizzante, ma di nuovo, come per la sera prima, abbiamo avvertito un forte senso di incompletezza, dovuto al fatto che eravamo tutti anziani: solo un paio fra i presenti non avevano toccato i cinquanta e gli altri avevano già girato quella boa.

Dino Messina, primo a destra

Crediamo che, mancando un travaso dalle vecchie generazioni alle nuove, si creerà una voragine entro alla quale la nostra società precipiterà. Il poeta Khalil Gibran scrisse che: “Noi siamo gli archi e i nostri figli sono le frecce” ma se così vanno le cose, allora le nostre faretre sono vuote e nessuna nostra freccia potrà mai arrivare al XXII secolo. I nostri giovani si formeranno sui “socials” nutriti da bufale e ignoranza, da verità omologate e interpretate per loro da altri, annegheranno nei dati e nelle informazioni, senza riuscire a sviluppare una coscienza critica, senza mai arrivare a possedere una propria storia vissuta.

Per scongiurare questa tragedia ho un suggerimento da offrire. Bisognerebbe che gli insegnanti che lavorano nelle numerose scuole superiori, prima che nelle università, obblighino i propri studenti a partecipare a presentazioni di libri e a commemorazioni, ponendo domande ai relatori e che poi offrano le proprie conclusioni ai docenti e ai compagni di classe. Questo dovrà valere come curriculum scolastico ai fini del giudizio finale.
Bisogna stanare i nostri giovani. Bisogna farli partecipare, avere contatti con persone mature, che hanno vissuto esperienze diverse dalle loro e che sono entrati in contatto con quei maestri da molto tempo scomparsi, i quali conobbero altri maestri e altri ancora, su su attraverso i secoli. Un computer o un Iphone non potranno mai sostituire questi incontri.

 

Chinese Fabrics in Cangrande’s Tomb

When the tomb of Cangrande I Della Scala (1291-1329), master of Verona, was opened on 27 July 1921, besides his sword, they found his partially mummified body wrapped in fabrics, some of which had been clearly imported from China, or China-controlled areas. They were the result of trade on the Silk Road and had been woven with silk, gold and silver yarns, while showing easily recognized motifs connecting them to the Middle Kingdom: dragons, lotus flowers, rabbits. They are today kept at the Castelvecchio Museum in Verona. Even his famous equestrian monument, a symbol of Verona, which can be seen close to Juliet’s balcony has a strong Chinese flavour (see the picture below for a comparison with 7 century funerary figurines).

 

The names cane and mastino (dog and mastiff) are recurrent in the Della Scala dynasty and are almost certainly connected with the title of Khan (translated as cane by early Italian chroniclers) used by Mongols chieftains.

Cangrande – meaning in Italian large dog – is today mainly remembered for his friendship with the poet Dante Alighieri (1265 – 1321) who was a guest in his palace, from 1313 onward, after having been exiled from his native Florence.

The Della Scala were powerful warlords, controlling also Padua and Vicenza, related to Frederic II of Svevia and their genes through marriages were dispersed into all the most powerful European noble families.