Siete un emigrante che lascia la vecchia casa per lavorare all’estero? Pagate IMU, Tari e Tasi!

IL GRANDE REGALO DI MATTEO RENZI AGLI ITALIANI ALL’ESTERO.

Non importa se siete un grande manager o un emigrante con la valigia di cartone, la casa nella quale abitate in Italia viene considerata seconda casa e ci pagate le tasse.
Questo regalo fatto dal Governo guidato da Matteo Renzi (eletto il 22 febbraio 2014) agli emigranti è passato sotto traccia, ma sta lì e chi non paga entro il 16 dicembre dovrà poi pagarci gli interessi sul debito con l’erario.

Questa è un’ulteriore dimostrazione del fatto che gli italiani all’estero sono cittadini di serie B, nonostante la Legge Tremaglia e nonostante i pochi rappresentanti eletti nelle circoscrizioni estero, che però essendo divise da affiliazione politiche, seguono le indicazioni di voto dei partiti ai quali appartengono.

L’Imu è stata abolita ma non per tutti: agli italiani residenti all’estero tocca pagare IMU e TASI.

Dal 2014 l’immobile posseduto in Italia da un italiano residente all’estero è considerato come seconda abitazione e per questo è necessario pagare IMU e TASI.
Fino al 2013, ogni comune “considerare direttamente adibita ad abitazione principale l’unità immobiliare posseduta dai cittadini italiani non residenti nel territorio dello Stato a titolo di proprietà o di usufrutto in Italia, a condizione che non risulti locata”. Dal 2014, in Italia è entrata in vigore la Legge 23.05.2014 n° 80, G.U. 27.05.2014. E’ con questa normativa che è stata eliminata la possibilità di assimilare la casa di proprietà in Italia all’abitazione principale. Anche se all’estero il cittadino Italiano non detiene alcun immobile di proprietà, l’immobile presente su territorio italiano è considerato seconda casa perché non di residenza. E’ per questo principio che gli italiani residenti all’estero (anche se residenti in abitazioni con regolare contratto di locazione) sono tenuti a pagare TASI e IMU rispettando le classiche scadenze.

La scadenza per il pagamento dell’IMU e della TASI è fissata per il 16 giugno per l’acconto e il 16 dicembre per il saldo.

Nel 2015, con una modifica della legge n°80 del 23.05.2014, vi è una categoria di italiani residenti all’estero che possono accedere all’esenzione IMU e Tasi.

“A partire dall’anno 2015 vien considerata direttamente adibita ad abitazione principale una ed una sola unità immobiliare posseduta dai cittadini italiani non residenti nel territorio dello Stato e iscritti all’Anagrafe degli italiani residenti all’estero (AIRE), già pensionati nei rispettivi Paesi di residenza, a titolo di proprietà o di usufrutto in Italia, a condizione che non risulti locata o data in comodato d’uso.”
Sull’unità immobiliare di cui al comma 1, le imposte comunali TARI e TASI sono applicate, per ciascun anno, in misura ridotta di due terzi.

Questo è quanto si legge nella Risoluzione n. 6/DF del Dipartimento elle Finanze del Ministero dell’Economia. La Risoluzione, datata 26 giugno 2015, ha come oggetto
“Art. 9-bis del D. L. 28 marzo 2014, n. 47, convertito, con modificazioni dalla legge 23 maggio 2014, n. 80. Immobili posseduti da cittadini italiani residenti all’estero. Imposta municipale propria (IMU), Tributo per i servizi indivisibili (TASI) e Tassa sui rifiuti (TARI).”

La risoluzione citata chiarisce che l’immobile in Italia posseduto da cittadini italiani residenti all’estero, si può considerare Abitazione principale (e quindi esente IMU) solo se il proprietario in questione è pensionati nello Stato estero di residenza e con pensione rilasciata dallo stesso Stato estero.

Se la pensione è rilasciato dallo Stato italiano e il pensionato risiede all’estero, non è possibile considerare l’immobile come abitazione principale.

In pratica gli unici italiani residenti all’estero esenti da IMU, TASI e TARI sono i pensionati che percepiscono sussidio dallo stato estero di residenza e non dalla madre patria.

 

In libreria troverete PILOTA DI STUKA di Ulrich Rudel – Recensione

Pubblicato su La Nostra Storia di Dino Messina, Corriere della Sera


L’Unione Sovietica si preparava ad attaccare l’Europa nel 1941?

Torna nelle librerie un classico della memorialistica bellica “Pilota di Stuka” di Ulrich Rudel, nuovamente tradotto e aggiornato dalla Gingko Editore di Verona. Questo libro fu un best seller nella collana dei Pocket Longanesi, andando attraverso varie ristampe fra il 1956 e il 1974, dopo essere stato pubblicato per la prima volta in Irlanda, nel 1952, dalla Euphorion Books.
Hans Ulrich Rudel (1916-1985) fu un pilota coraggiosissimo e soprattutto fortunato – la fortuna di un Forrest Gump – che lo portò a compiere azioni belliche sul fronte russo che oggi ci appaiono sovrumane.
Figlio d’un pastore luterano, sin da bambino volle volare e una volta ottenuto il brevetto da pilota, grazie alla Lufthwaffe che nel 1936 veniva ricostruita partendo da zero, entrò quasi per sbaglio in una squadriglia di Stuka (Junker Ju 87 Sturzkampfflugzeug, o bombardieri in picchiata).
Durante le campagne di Francia e di Grecia gli fu impedito di volare, e quindi se ne stette appiedato e frustrato sotto a una tenda. La sua abitudine di evitare bevande alcooliche, di esser ghiotto di torte di panna e di praticare ogni genere di sport, lo rendevano antipatico al circolo ufficiali. Inoltre, come spiega nel libro, egli fu uno che apprendeva con lentezza. Pertanto, i suoi superiori lo credevano un disastro, e il fatto che un giorno, finito nel mezzo di una tempesta fortissima, rischiò di fracassarsi su di una montagna con il proprio colonello che gli sedeva a fianco, non giovò alla sua reputazione.
Ma un giorno, improvvisamente, capì come si vola e cominciò a disegnare incredibili acrobazie in cielo, mostrando una padronanza assoluta del proprio mezzo meccanico. Il suo comandante di squadriglia, Steen, pure lui una ex pecora nera, capì che era un pilota fuori dall’ordinario e gli consentì di stare al proprio fianco. Con grande caparbietà Rudel compiva anche cinque o sei missioni al giorno con il proprio lento ma robustissimo Stuka e i suoi successi cominciarono ad accumularsi, assieme alle decorazioni. Alla fine della guerra fu il più decorato soldato dell’esercito germanico. Mentre i suoi compagni morivano, lui tornava sempre indietro, con l’areo sforacchiato e a volte ferito, ma se la cavava sempre in un modo o nell’atro mantenendo il proprio buonumore, pur passando attraverso orrendi incubi durante il sonno.

Fu costretto a un atterraggio forzato in territorio nemico, per caricare un equipaggio di commilitoni che erano caduti, ma vi restò impantanato; rifiutando la resa riuscì a tornare indietro con una pallottola nella spalla, traversando a nuoto un fiume ghiacciato, seminudo e scalzo, dopo aver camminato per tre giorni sotto a una pioggia gelata. Venne abbattuto venticinque volte dalla contraerea, distrusse 519 carri armati sovietici, affondò la corazzata Marat, un paio di incrociatori e abbattè una cinquantina di caccia. Divenne un mito per tutta l’aviazione tedesca e Hitler, ripetutamente, gli proibì di volare, ma lui era convinto di combattere per la Germania e per l’Europa e, dunque, segretamente continuava ad alzarsi in volo, disobbedendo agli ordini. Non lo dissuase neppure il fatto che Stalin pose una grossa taglia sulla sua testa, vivo o morto.
Perse una gamba verso la fine della guerra ma continuò a volare e tentò di prelevare Hitler fuori dal bunker della Cancelleria, volando con uno Stork e preparandosi ad atterrare sulla Unter den Linden, con le truppe sovietiche a poche centinaia di metri. Venne dissuaso dalla discesa con una chiamata radio dall’attendente di Hitler, il quale gli confermò che il capo rifiutava d’abbandonare Berlino.
Rudel giustificò l’attacco all’Unione Sovietica scatenato da Hitler con la certezza che, secondo lui, i russi si stavano preparando ad attaccare l’Europa, ma furono battuti sul tempo. Egli disse di aveva visto con i propri occhi, in volo con il suo aereo, delle enormi installazioni militari non ancora completate subito oltre il confine, di tipo offensivo: campi d’aviazione, centri di smistamento operativo, caserme e via dicendo.

Per completare la Lettura vai su:

Rudel: “L’Unione Sovietica si preparava ad attaccare l’Europa nel 1941”

Prima traduzione italiana di La Sinistra Psicopatica di Kerry Bolton – Vanessa Redgrave

Pubblicata nel novembre 2018 da Gingko Edizioni di Verona la prima traduzione del libro di Kerry Bolton “La Sinistra Psicopatica.”
Questo libro è una carrellata storica sulla inerente psicopatia della sinistra rivoluzionaria, a partire da J.J. Rousseau sino ai nostri giorni, passando attraverso Marat, De Sade, Marx, Trotzkji, Lenin, Althusser, Basaglia, Coen Bandit, la Banda Baader Meinhof. Vi si accenna anche a Vanessa Redgrave e alla sua militanza in una frazione di trotzkisti rivoluzionari britannici, guidati da Garry Healey (1913-1989) che fu il loro leader e Vanessa Redgrave fu fra le persone da lui plagiate. In seguito si scoprì che viveva come un satrapo, spremeva soldi agli aderenti tagliando i loro stipendi, abusava sessualmente di una ventina di ragazze, fra le quali la figlia di un suo amico e compagno. Vanessa Redgrave donò milioni di sterline alla causa paranoico-rivoluzionaria di Healey.

 

Ecco un saggio riguardante la Redgrave preso dal libro di Bolton.

Vanessa Redgrave, che all’inizio fu una tipica liberale della classe media, era stata portata al trotskismo dal fratello, Corin. Entrambi, come Healy, possedevano una visione paranoico-delirante della politica, ed erano convinti che se non si fossero mobilitati la Gran Bretagna sarebbe diventata uno stato fascista, dopo un colpo di stato militare: […] L’attore Simon Callow ricorda Corin urlare che l’aeroporto di Heathrow stava per essere circondato dai carri armati, come preludio a un colpo di stato militare, mentre Vanessa “avvertiva che la Gran Bretagna era preparata per la dittatura e per i campi di concentramento, e chiedeva ai lavoratori di prendere il potere attraverso l’insurrezione armata”… L’ex sindacalista Roy Lockett ricorda che “truppe speciali venivano mobilitate. Ricordo che il Waterloo Bridge era stato chiuso per manutenzione e che questa sarebbe stata la prima mossa per sigillare Londra”. La sorella di Vanessa, Lynn, pensa che Vanessa fosse afflitta da un complesso del martire fin da giovane. Cominciò a leggere Lenin su suggerimento di Corin. Lui la portò al WRP (partito rivoluzionario dei lavoratori) quando cadde in depressione a causa della sua rottura con l’attore Franco Nero.

Adler scrive: “Nel frattempo, Vanessa è diventata forse l’unica persona a essere stata spinta a bere dalla politica delle relazioni industriali. Nel 1972, quando Ted Heath impose dei controlli salariali, ha iniziato a bere vino a buon mercato di mattina.” Questo “annientamento confuso”, ha detto, l’ha aiutata a contenere la sua disperazione.
Adler commenta un altro aspetto importante della psicologia all’opera nel movimento di Healy: “Oltre alla sua politica radicale, parte del fascino del WRP per i Redgrave era il suo leader, Gerry Healy, che divenne una sorta di figura paterna”. Il leader del culto agirà tipicamente come un padre adottivo. I membri del Tempio del Popolo chiamavano Jim Jones “papà”. Il reclutamento nel culto spesso proviene da un contesto in cui i rapporti genitoriali sono disfunzionali. Tuttavia, gli scienziati sociali marxiano-freudiani della Scuola di Francoforte, ci hanno assicurato che gli stretti legami tra genitori e i figli sono “malsani” e portano al “fascismo”. Quindi, l’assalto marxista alla famiglia come ‘istituzione borghese’ lascia lo Stato marxista o il leader marxista a riempire il vuoto e a domandare la totale dipendenza emotiva, al di là di quella puramente politica. In questo contesto è interessante notare che la Commissione delle Donne del WRP abbia successivamente sostenuto che l’abuso di Healy fu “una forma di incesto”. Accusando Healy di stupro criminale, una delle sue vittime ha sottolineato che è stato “per denigrare e tenere sotto controllo un gran numero di donne dirigenti… che sono state costantemente abusate sessualmente da Healy.
Le donne vittime insistevano sul fatto che fossero state abusate da Healy in quanto figura paterna, in un rapporto incestuoso, non come “stupratore criminale”. Lo stupro implica che le donne siano vittime indifese, che come supponevano delle liberate femministe di fede marxista non potevano accettare. Hanno razionalizzato la loro dipendenza da Healy in termini d’autorità paterna, mentre lui ha rafforzato questa autorità, instillando loro un senso del ‘dovere’ per sostenere la rivoluzione, soddisfacendo le sue esigenze. La loro Commissione delle Donne ha adottato questa razionalizzazione, come linea del Partito.

Mentre i Redgrave cercavano un padre adottivo in Healy, il legame di Vanessa con i suoi figli, per il bene della causa rivoluzionaria, ne soffriva molto. L’atteggiamento disattento verso i propri figli è una caratteristica dei militanti di sinistra. Rousseau abbandonò i propri figli, Marx si preoccupò più dei suoi scritti che della miseria in cui vivevano sua moglie e i suoi figli e, come si vedrà, anche i nuovi militanti di sinistra hanno prontamente abbandonato i propri figli per seguire la rivoluzione. L’adesione a delle ideologie che sostengono che i bambini sono meglio curati dallo Stato o dal gruppo, è un’intellettualizzazione atta a rinnegare le proprie responsabilità genitoriali da parte di coloro che non sono realmente capaci di tali sentimenti. Una volta che i marxisti raggiungono il potere, la risposta è demolire la famiglia tradizionale e allevare i figli in collegi statali, permettendo alla madre di lavorare. La sinistra la considera una “liberazione della donna”. I figli di Vanessa, come molti altri “orfani” di genitori di sinistra, sono stati sacrificati per il bene della rivoluzione. Scrive Adler: Le sue piccole figlie, Joely e Natasha, s’aggrapparono a lei mentre cercava di uscire dalla porta d’ingresso. A sei anni Natasha chiese a sua madre di passare più tempo in casa. Vanessa cercò di spiegarle che la sua lotta politica era per il futuro suo e di altri bambini. “Ma ho bisogno di te ora. Quando sarò grande non avrò più bisogno di te” le disse Natasha. In uno scenario che ricorda Karl Marx stesso, “…lei ha dato così tanti dei suoi soldi al WRP che la famiglia era sempre a corto di denaro. La loro casa nella zona ovest di Londra cominciò a sembrare trascurata, e il giardino non curato”. Con la morte di Healy e l’ulteriore frammentazione del trotskismo, Vanessa tornò alle cause liberali tipiche della classe media da cui era partita. Valutando il suo atteggiamento verso gli altri, Vanessa descrive in modo convincente un’ipotesi fondamentale di questo libro, e cioè che l’umanità della sinistra è astratta e impersonale. Come lei stessa ha confidato a Lynn: “Il mio paradosso è che, sebbene mi preoccupi molto delle masse — gli orfani in Vietnam, gli affamati in India — mi sembra che mi preoccupi poco delle persone che mi circondano. Ho resistito a questa accusa. Ma, senza mezzi termini, quella
sono io.”
Questo ci dice molto sulla sinistra in generale.
Sfruttamento e abuso delle donne da parte di Healy furono scoperti solo a causa di una disputa interna fra le fazioni, per essere precisi fra lui e l’assistente segretario generale del WRP, Sheila Torrance (che tuttavia finì per sostenere Healy). Venne udita urlare a Healy, prima d’una riunione del Comitato Politico: “Sei contorto, questa volta stai andando in bancarotta, lo porterò alla conferenza e poi vedrai”. Per evitare di essere espulsa da Healy dal WRP, fece il nome di ventisei donne che lui aveva abusato. La reazione della fazione di Healy indica ulteriore disturbo mentale. La devota di Healy, Vanessa Redgrave “con una voce stridente fu udita urlare che quella era opera dei Black Hundreds”.
I Black Hundreds furono un’organizzazione xenofobica e anti-ebraica nei primi anni del novecento, che sosteneva i Romanov e s’opponeva alle riforme. L’allusione di Redgrave indica come i marxisti fossero deliranti. Vanessa, infuriata, indisse una conferenza stampa: “Queste accuse sono tutte menzogne e le donne che le hanno mosse sono tutte delle bugiarde. Non m’importa se sono 26, 36 o 236 — sono tutte bugiarde”. Ecco cosa resta della fratellanza fra donne. Il fratello di Vanessa, Corin, reagì in un modo altrettanto bizzarro, esclamando in una riunione del partito: “Non siamo né favorevoli né contrari alla corruzione, siamo favorevoli alla rivoluzione socialista”. Torrance, che aveva formulato le accuse originali, ora considerava le scappatelle di Healy come una questione strettamente personale; e temeva che la sua stessa fazione, associata alla fazione di Healy, sarebbe stata indebolita dalla espulsione di Haley.
In questa riunione della sezione di Londra, nonostante le vittime di Healy e i loro parenti fossero presenti, Healy ricevette un voto di fiducia a maggioranza. Dopo l’incontro, il segretario del WRP, Mike Banda, girava per i locali, infuriato: “Tutti nel Paese mi sostengono tranne questa spazzatura di Londra”. Durante l’incontro, i sostenitori di Banda avevano gridato “stupro, stupro, rapina, Pol Pot”, e “tutti erano rossi in faccia, parevano dei selvaggi”.

Viaggio al Centro della Mente di Hitler in edicola a partire dal 1 dicembre 2018

Il padre di Hitler, nel 1893

In edicola fra pochi giorni un classico del profiling applicato alla politica.

Walter C. Langer, a capo di un team di psicanalisti di stretta osservanza freudiana consegnarono nel 1944 questo straordinario documento – redatto per conto della OSS – ad alcuni generali americani. Le loro scoperte, basate su interviste e ricerche approfondite, restano straordinarie.

 

Recensione pubblicata sul Corriere della Sera, Blog La Nostra Storia di Dino Messina.

http://lanostrastoria.corriere.it/2018/11/21/hitler-organizzo-lanschluss-per-coprire-la-propria-ebraicita-e-i-propri-trascorsi-omosessuali/

 

Rivedersi dopo mezzo secolo, a Turbigo

La sera del 19 ottobre 2018, dopo mezzo secolo, presso la sede del Comune di Turbigo (Mi) abbiamo potuto riabbracciare un vecchio amico e compagno di classe. All’incontro ha partecipato anche il mai dimenticato Don Giancarlo.

Questo amico è Mario Saccone, ora residente a Rossano, in Calabria e autore del libro “Diario di un’ingiustizia. L’inutilità del male”. Pubblicato da Falco Editore di Cosenza.

Ringraziamo il Sindaco di Turbigo, Christian Garavaglia e l’assessore alla cultura, Marzia Artusi, per aver messo a disposizione una sala per la presentazione del libro di Mario.  E diciamo grazie agli amici Gilberto Azzimonti e Roseo Ferretti, che si son dati da fare per rendere possibile l’incontro.

 

Mario è nato a Centuripe (En) il 16 ottobre 1955 e poi si trasferì a Chivasso, con i genitori; arrivò a Turbigo nel 1964, adattandosi benissimo alla comunità locale che l’abbracciò e che ancora lo stima per la sua urbanità e cultura.
Dopo 9 anni a Turbigo, passò a Rossano nel 1973 – oggi Corigliano-Rossano – dove incontrò la moglie e dove trovò lavoro come vigile urbano. Nel 2002 fu assunto all’INPS e si diede da fare anche nel sindacato, facendo carriera in entrambe le organizzazioni.


La sua tranquilla vita fu terremotata il 19 ottobre 2012, quando dei finanzieri, alle 6 e 45 di mattina, si presentarono all’uscio di casa sua – con un elicottero che volava nel cielo di Rossano! – tirando giù dal letto la sua consorte. Mario era già fuori casa ma fu richiamato dalla terrorizzata moglie.
Gli recapitarono un avviso di garanzia per truffa e corruzione.  Dopo alcune settimane, che furono per lui terribili, seppe di essere stato indagato solo in base a delle insignificanti intercettazioni telefoniche di lavoro, presso al proprio ufficio. Ma per sua fortuna la sua innocenza fu provata dal solerte GIP che capì subito che le indagini del PM, relative a Mario e ad altri suoi colleghi, erano basate sul nulla. La notifica ufficiale di archiviazione gli arrivò solo due anni dopo. Eppure, la riscossa di Mario iniziò subito dopo la notifica dell’avviso di garanzia, con…la discussione della sua tesi di laurea in Storia Antica, avvenuta nel dicembre 2012, presso l’Università della Calabria.

Dobbiamo ammettere che la sua kafkiana vicenda ci ricorda un po’ quella di Enzo Tortora, anche se gli fu risparmiata l’onta del carcere.

Il suo libro è una riflessione sul funzionamento della macchina della Giustizia in Italia ma anche della potenza dell’informazione, che sfrutta i casi eclatanti per fare audience, senza curarsi della dignità delle persone coinvolte, messe alla gogna, prima di una sentenza.

Mario ha presentato il suo coraggioso libro in maniera molto diretta ed emotiva, alzandosi in piedi e rimarcando con le mani le proprie parole. La comunità turbighese si è commossa e lo ha abbracciato con calore, come un proprio figlio perduto e ritrovato.

 

Quale miglior candidato di lui per il titolo di “Turbighese dell’anno per il 2019”? Speriamo che la Pro Loco di Turbigo si ricorderà.

 

 

The first book on colors in China, a must have for all Chinese Art Collectors

The book of Jun Zhou, The Language of Color in China, outlines a sort of alternative history of a society, based not on documents and oral memories but on chromatic preferences. It is not only a book to read but it is above else a book to be consulted at all times, when needed.
Looking at colors and their combinations we may read about dynastic changes, economic improvements, revolts and wars. It is a sort of secret code which, with some training, can be deciphered.
Reading this book, we had the distinct impression of a work which was long overdue, thus a work which is going to fill a gap in the study of Chinese Civilization throughout the millennia. This is in fact the first book dedicated to the color history of China, bringing together several elements having a common reference, which is “color”, connecting it with art and design.
Color had played and is playing a great role in most cultures around the world but its impact was never so great as for China, where it had always maintained, up to our days, a paramount importance.
What about the West? Well, Spartan women were wearing undyed clothes and the noble Romans were wearing boring white togas; this could not have been possible in China, where dresses and ornaments were always very colorful. We possess scarce information’s about the color of dishes and other implements used by kings and emperors in Europe, but we do have very precise reports about the color of porcelain produced for the Chinese Emperor and his Court, where every degree of power within the Imperial circle had a specific color. For instance, for a Chinese commoner to eat from a yellow dish was a sacrilege, since that color was reserved for the man sitting on the Dragon Throne.
There was certainly some kind of color contamination on the Silk Road, for instance the color purple, which was first used in China and then in the West was considered a privilege for the imperial house and several colored pigments were exported from China to the ports in the Mediterranean Sea, ending up on pictures painted by Giotto and Leonardo Da Vinci.

The study of Chinese color starts with the Pekin Man and proceeds to the Han, Song, Ming, Qing dynasties, then we find several deep diversions through literary references and the color habits of the ethnic minorities and local folk traditions. The authors present porcelain, embroidery, paintings and textiles. It is a book rich in descriptive passages as well as scientific analysis –liberally illustrated to demonstrate color diversity.
Nothing is perfect in this world and this book does not contradict this saying. Regrettably, it should have been printed in a larger format, like quarto or folio, not octavo, in order to bring out hundreds of wonderful color illustrations enriching the pages. They were painstakingly collected and organized but in such small format they cannot be fully appreciated, as they should deserve to be. We do hope that the publishers will present a new edition in a larger format.

This scholarly book is “a must have” for all people interested in the history of China and for all collectors of Chinese works of art and antiques. It should be placed on all libraries by people with strong China interests and love for this great country.

Jun Zhou and Gail Taylor, The Language of Color in China Cambridge Scholars Publishing, Newcastle Upon Tyne, 2018.

Angelo Paratico
Author of The Dew of Heaven and Leonardo Da Vinci. A Chinese Scholar Lost in Renaissance Italy

Presto in Libreria 6 nuovi libri della Gingko Editore di Verona

Ecco il link per tutti i volumi:

https://drive.google.com/open?id=1NRgYgyF1yzVYrDE-he668hOE0eeFh_Xn

“Uccidete lo Zar! Lo sterminio dei Romanov” di Luciano Garibaldi.

ISBN: 978-88-95288-84-0  

Questo libro era stato stampato su carta a mano, in sole 200 copie, autografato dall’Autore. Uscì nel centenario della uccisione dell’ultimo Zar dei Romanov, avvenuta il 17 luglio 1918.

Ora verrà riproposta su carta normale e senza l’autografo.

Il 17 luglio 2018 cade il centenario della morte di zar Nicola II (in russo Nikolaj Aleksandrovič) Romanov. Nato a Carskoe Selo nel 1868 fu massacrato a Ekaterinburg con la famiglia, fu zar di Russia e oggi è santo della chiesa ortodossa.

Luciano Garibaldi, giornalista e saggista, è autore di oltre 40 libri di storia divulgativa, prevalentemente incentrati sul fascismo, seconda guerra mondiale e anni di piombo

 

 

L’ALTALENA DI APOLLINARIJA. Chi ha ucciso Dostoevskij? Erotismo, spionaggio, amore e letteratura nella Russia di fine Ottocento

di Ciriaco Offeddu

 978-88-95288-88-8

Una vera chicca storico-letteraria, raffinata e frutto di una profonda ricerca, con delle piccole interpretazioni romanzate. Si tratta di una ricerca fra il vero e il falso e sul vero e il falso. Ciriaco Offeddu, nuorese, ha girato il mondo, soprattutto l’Oriente, risiedendo a Singapore e Hong Kong per molti anni, ha al suo attivo vari titoli di successo.

 

 

PILOTA DI STUKA di Hans Ulrich Rudel

ISBN: 978-88-95288-86-4

Questa è una autobiografia del pilota della Luftwaffe, Hans Ulrich Rudel, il più decorato soldato tedesco nel corso di tutta la II Guerra Mondiale. Ulrich Rudel fu abbattuto 30 volte, distrusse più di 500 carri armati, la corazzata sovietica Marat, due incrociatori e un cacciatorpediniere. Stalin pose una taglia di 100.000 rubli sulla sua testa. Le sue memorie paiono un libro d’avventure, simile a una moderna Odissea. Hans Ulrich Rudel (2 luglio 1916- 18 dicembre 1982). Alla fine della guerra si consegnò agli americani e collaborò con loro per disegnare un aereo anticarro.

 

 

LA SINISTRA PSICOPATICA di Kerry Bolton

ISBN: 978-88-95288-87-1

Prima edizione italiana, su licenza della Black House Publishing, Gran Bretagna.Un resoconto fattuale basato sulla inerente patologia della sinistra – la vanità di Rousseau, la personalità narcisistica di Karl Marx, la megalomania di Trotsky, l’edonismo odiatore del padre di Mao Zedong, passando attraverso il propagandista della pedofilia, Allen Ginsberg e il complesso di Edipo di Louis Althusser, il quale, non appena dimesso da una clinica, strangolò la moglie. Kerry Raymond Bolton (1956) è uno scrittore e un attivista politico neozelandese. Possiede varie certificazioni e dottorati in teologia, collabora con varie riviste e istituti di ricerca ed è autore di più di venti libri.

Kerry Raymond Bolton (1956) è uno scrittore e un attivista politico neozelandese. Possiede varie certificazioni e dottorati in teologia, collabora con varie riviste e istituti di ricerca ed è autore di più di venti libri.

 

STORIA DELLE BANCHE CENTRALI e dell’asservimento del genere umano di Stephen Mitford Goodson

ISBN: 978-88-95288-89-5

Prima edizione italiana, su licenza della Black House Publishing, Gran Bretagna.

Il ruolo degli usurai è stato definito la “mano nascosta nella storia mondiale.” Essi hanno il potere di creare, prestare e accumulare interessi a “credito” e poi riprestare tali interessi, per ottenere perpetuamente altri interessi. Questo ha creato un debito mondiale pervasivo, sia per l’individuo, che per le famiglie e gli Stati. Finanzieri e usurai che prestano a credito – quegli stessi che Gesù aveva buttato fuori a frustate dal Tempio – hanno convinto molti governi che le banche vanno lasciate in mani private. Stephen Mitford Goodson è nato in Sud Africa, dove s’è laureato in Legge, Filosofia ed Economia. Entrò nel mondo della finanza e nel 2003 ricoprì la carica di direttore della South African Reserve Bank, con l’ambizione di voler trasformare il mondo della finanza sudafricana. Ha pubblicato una dozzina di libri, spesso creando fortissime controversie. L’Autore, purtroppo, ci ha lasciati per sempre il 4 agosto 2018.

 

VIAGGIO AL CENTRO DELLA MENTE DI ADOLF HITLER di Walter C. Langer

ISBN: 978-88-95288-85-7

Un rapporto top secret scritto da un gruppo di psichiatri americani nel 1943
Pensiamo utile presentare al lettore italiano questo classico della indagine
psicologica freudiana. Scritto nel 1943, certe sue conclusioni si rivelarono
esatte, a esempio il fatto che Hitler si sarebbe suicidato.
Walter Charles Langer, nato a Boston nel 1899, è stato uno psicoanalista statunitense. Dopo essersi laureato nel 1923 a Harvard, negli anni ‘30 si trasferì a Vienna ed intraprese una analisi con Anna Freud. In questo modo entrò in contatto con il padre Sigmund Freud, ed ebbe anche modo di accompagnarlo a Londra quando questi vi emigrò per sfuggire alle persecuzioni razziali dei nazisti.